50 anni di musica con Red Canzian a Padova

Padova: la musica di 50anni riassunti in un unico concerto. Lo show di Red Canzian è andato in scena venerdi 04 maggio al Gran Teatro Geox di Padova, davanti ad un numeroso pubblico che ha partecipato con affetto ed entusiasmo al ritorno da solista dell’ ex Pooh.

È iniziato “Testimone del tempo Tour 2018”, dopo la “data zero” di Cecina il cantante è arrivato nella città del Santo riscuotendo molto successo.

Il tour, prende nome dall’ultimo successo discografico, uscito lo scorso febbraio dopo il successo portato dal Festival di Sanremo e vede mix di musica e pezzi cominciando da Elvis Presley, Bob Dylan, Elton John per arrivare agli stoici cantautori italiani ( Tenco, Paoli e Battisti ) , passando per i Pooh.

Red sul palco mostra di essere a suo agio e racconta il suo concerto, fa partecipare il pubblico e chiede il loro coinvolgimento. Ringrazia e cita i suoi autori, tra i quali Ruggeri, Ermal Meta, Miki Porru e Renato Zero.

A condividere il palco con Red in questo tour c’è la figlia Chiara Canzian (armonica, percussioni e cori), Phil Mer (batteria, percussioni, piano e direzione musicale del tour), Daniel Bestonzo (pianoforte, tastiere, fisarmonica), e i due formidabili chitarristi Alberto Milani (chitarre elettriche) e Ivan Geronazzo (chitarra elettrica, chitarra acustica e mandola).

Lo spettacolo, suddiviso in due tempi scorre veloce tra canzoni, video e racconti di vita vissuta e aneddoti.

Belle e alternative le rivisitazioni di pezzi internazionali  con brani celebri dei Pooh, come All you need is love che diventa Piccola Katy o Shine on you crazy diamond dei Pink Floyd che nel finale diventa Parsifal.

Red appare in gran forma e il pubblico lo ricambia con affetto e glielo dimostra tutto sul finale quado non può trattenersi sul finale e tutti in piedi si alzano per ballare sulle di “Chi fermerà la musica”.

Un bel concerto di buona musica italiana ed internazionale, suonata con gusto e garbo.

Al prossimo live.

Sempre in prima fila da sotto il palco.

Pagina a cura di ZedLive! e per www.ilsestantenews.it Alessio Marini

Foto Alessio Marini (AMProgettoImmagine)