Chiude il 31 marzo la storica libreria Morelli 1867

DOLO. A dare il tristissimo annuncio quella stessa persona che proprio in questi giorni, 3 anni fa, si era adoperata perché riaprisse, a soli 2 mesi dalla sua chiusura da parte della proprietà. Nadia Masiero, ‘bibliofila-libraia’ miranese, con grande coraggio ed enorme dedizione si è battuta per 3 anni perché questo pezzo importante di storia e centro culturale dolese continuasse ad esistere.

Non è difficile indovinare quali siamo le ragioni che hanno costretto Nadia a prendere questa dolorosissima decisione: non è un segreto la crisi profonda in cui versa la cultura in generale, la carta stampata e i libri nel particolare. E così i costi di gestione troppo elevati non le permettono più di continuare.

“Non credo di essere in grado di esprimere quello che provo: delusione, smarrimento, rabbia? – racconta Nadia – Ho combattuto con tutta me stessa, con l’amore per il lavoro che faccio. Amore è tenacia, coraggio, attenzione, preparazione, cura. È, in una parola, Dono. Posso dire di aver ricevuto un dono da questa fase di intensa attività: un sostegno corale da parte di chi, come me, crede profondamente nell’importanza della condivisione, nel senso civico del fare insieme, nel rispetto delle regole sociali, nell’idea che si possa crescere come comunità e come società”.

“Non è per niente facile nello svolgere attività culturali, collettive, sociali, anche a fronte di un buon consenso di pubblico – prosegue Nadia – trovare un giusto equilibrio con il loro aspetto commerciale e burocratico, e d’altra parte è sempre più difficile ottenere attenzione da parte di chi, per ruoli e/o funzioni istituzionali o sociali, potrebbe favorire le condizioni per agevolare questo genere di proposte. Credo che si sia costruito molto dal 2015 al 2018 nella Libreria Morelli 1867: nulla di tutto questo si può considerare chiuso, cancellato. Nulla di quel ‘Noi’ costruito insieme in questi anni andrà perso”.

Nadia Masiero ringrazia dal profondo chi ha collaborato direttamente e tutte le persone che l’hanno sostenuta, aiutata, sponsorizzata, consigliata; ringrazia tutti i frequentatori della libreria, gli ospiti, autori, scrittori, illustratori, editori, blogger, artisti, studiosi e appassionati, che hanno partecipato con disponibilità alla lunga serie di appuntamenti organizzati in questi tre intensi anni.

Se volete passare in libreria per un saluto, vi ricordiamo che ci sarano le 7 settimane alla primavera: una serie di svendite di cui possiamo approfittare per dare un aiuto in questo non facile momento.

Sara Zanferrari