Concerto per Gauguin a Padova

Giovedì 10 gennaio all’Auditorium Pollini alle 20.45 l’Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Marco Angius e la violinista Beatrice Spina proporranno Concerto per Gauguin, una serata dedicata alla musica francese.

Concerto per Gauguin, che vede la partecipazione del Lions Club Gattamelata, il Conservatorio C. Pollini e la Fondazione Bano, omaggia la mostra Gauguin e gli Impressionisti. Capolavori dalla Collezione Ordrupgaard a Palazzo Zabarella. I proventi della serata andranno a sostegno del progetto “SlowDown Santa Sofia” della Fondazione Vite Vere Down D.A.D.I. per realizzare una struttura turistica ricettiva gestita da ragazzi con sindrome di Down a Padova.

Impressionismo in musica

Ispirato al tema dell’esposizione, il programma include brani di Maurice Ravel e Frederick Delius, compositori che, come ricorda Marco Angius, direttore artistico e musicale dell’OPV, «guardano all’impressionismo ciascuno a modo proprio e in un periodo successivo. Anche se non si può parlare in senso stretto di “musica impressionista”, visto che i suoni producono sempre delle percezioni sensoriali più o meno acute, entrambi i compositori riescono ad esaltare la componente visionaria che è insita nel linguaggio musicale».

La Tzigane per violino e orchestra di Ravel unisce il linguaggio della musica gitana all’ estetica personale del compositore francese, fatta di colori e oscurità, mistero e meccanicità. A cimentarcisi la giovanissima Beatrice Spina, classe 2000, già vincitrice di numerosi concorsi. La Pavane pour une infante défunte è ricca di un lirismo mai patetico. Sempre all’infanzia si rifà Ma mère l’Oye, cinque pezzi ispirati a racconti di Perrault, di Madame d’Aulnoy e Madame Leprince de Beaumont. Toni domestici che si accostano bene al quadro Il piccolo dorme di Gauguin, dove il sonno infantile è sorvegliato dagli uccelli scuri della carta da parati e da un bambolotto.

Di Delius ascolteremo i Two pieces for small orchestra. Summer night on the river si ispira al fiume Loing, corso d’acqua vicino a Grez, cittadina dove Delius visse. In esso l’armonia e l’orchestrazione rivelano influssi di Debussy e Ravel. Più convenzionale, ma raffinato ed equilibrato On hearing the first cuckoo in spring.

Biglietto unico 20€, acquistabile online su WebTICpresso Gabbia Dischi (via Dante, 8) o la sera del concerto all’Auditorium Pollini a partire dalle ore 20. Acquistando il biglietto per il concerto si avrà diritto a una riduzione sull’ingresso alla mostra di Palazzo Zabarella (fino al 27 gennaio).

N.S.