Cultura e spettacolo

Rutger Hauer, addio al replicante

Si è spento all’età di 75 anni, dopo una breve malattia, il celebre attore nato nella provincia di Utrecht (Paesi Bassi) Rutger Hauer, noto a tutti per il suo ruolo protagonista in Blade Runner.

Hauer, una carriera ‘fantastica’

Oltre 170 i titoli che lo vedono interprete, ma inutile negare che il suo più grande successo lo deve alla pellicola futuristica e fantascientifica diretta da Ridley Scott nel lontano ’82.

attore
Rutger Hauer e il regista Paul Verhoeven

Una carriera tra i grandi

Ma se c’è una storia, vi è anche una preistoria. E infatti, prima di Scott, Hauer ha lavorato con altri grandi registi: da Verhoeven a Ralph Nelson, da Kumel a Malmuth.

Un attore versatile

Rutger Hauer, che ha prestato molto anche il suo volto alla TV, è stato uno dei più versatili attori, capace di recitare in ogni genere di film, passando da un capolavoro quale Blade Runner a un drammatico come In una notte di chiaro di luna sino al fantapolitico Delitto di stato.

La sua esperienza in Italia

L’attore olandese ha lavorato molto in Italia e con registi italiani, tra cui: Ermanno Olmi, Lina Wertmuller, Duccio Tessari, Giuseppe Ferrara, Renzo Martinelli e, di recente, Dario Argento, tornando al genere horror che lo ha visto spesso protagonista.

Addio replicante

Ed è attorno a lui, “che ne ha viste cose che voi umani non potreste immaginarvi”, che il mondo del cinema in queste ore si stringe per mandare l’ultimo saluto al replicante.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close