Sherwood Festival: pubblico entusiasta per Lo Stato Sociale

Sono stati la rilevazione dell’ultima edizione del Festival di Sanremo e, come da attese, hanno fatto cantare e ballare per tutta la sera il pubblico presente. I cinque ragazzi che compongono Lo Stato Sociale si sono esibiti sabato 4 luglio sul palco dello Sherwood Festival in un viaggio musicale partito con i primi brani composti dalla band e concluso con gli ultimi successi.

Entusiasti i tanti spettatori presenti, che hanno assistito ad una performance di oltre due ore. I fans hanno cantato a squarciagola i brani più noti: Buona Fortuna, Facile, Fare Mattina. Il culmine, poi, con Una Vita in vacanza, il brano che ha fatto conoscere la band al grande pubblico e che si è aggiudicato il 2° posto al Festival di Sanremo.

Tra una canzone e l’altra anche i messaggi che il gruppo è solito lanciare al suo pubblico: messaggi di libertà e di denuncia contro un sistema, a loro detta, corrotto e insano. Non solo musica, quindi, ma anche dei momenti di riflessione in cui il gruppo è solito coinvolgere i suoi fans.

Il gruppo, nato nel 2009 e inizialmente formato da tre dj di Radiocittà Fujiko di Bologna (Alberto Cazzola, Ludovico Guenzi e Alberto Guidetti) si è poi negli anni allargato: nel 2011 sono arrivati Enrico Roberto e Francesco Draicchio. In questi anni la loro musica si è evoluta, passando per sperimentazioni diverse, ma accogliendo quasi sempre il consenso di critici e pubblico. Sono rimasti fedeli alle loro idee, che si ritrovano nei primi brani come negli ultimi, quelli del grande successo. Idee di libertà, giustizia sociale e critica dei sistemi forti che imbriglierebbero il nostro paese.

Mercoledì 4 luglio, sul palco dello Sherwood Festival c’è stata l’ennesima conferma dei loro valori. I fans l’hanno apprezzato, come hanno apprezzato la musica che li ha fatti ballare e cantare fino alla fine del concerto.

Alessio Marini, foto cedute in esclusiva per il Sestante