Cultura e spettacolo

Torna il 21 settembre I DoLove

DOLO. Si terrà da venerdì 21 a domenica 23 settembre la terza edizione del Festival di Streetart I DoLove, che sta portando a Dolo, anno dopo anno, alcuni di più celebri artisti internazionali.

L’iniziativa, promossa dall’Associazione Culturale FormeArt e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Dolo, ha come obiettivo quello di attuare, nel corso di quest’Amministrazione, un’imponente azione di rigenerazione urbana che, attraverso l’arte, porti a una complessiva riqualificazione degli spazi di vita quotidiani.

Nelle prime due edizioni sono stati già realizzati una trentina d’interventi: dalle spettacolari pareti del centro storico, agli interventi sulle scuole sino ad arrivare alla “nuova vita” donata ad alcuni elementi di arredo urbano come le panchine divenute un inno contro la violenza sulle donne o ai paracarri trasformati in pinguini dal celebre artista Pao.

“La Street art” – spiega l’assessore alla cultura, Matteo Bellomo – “costituisce uno strumento di riscoperta del nostro territorio e di profonda caratterizzazione del centro dolese che, anche a livello turistico, sta producendo i primi risultati. Sono molti infatti i cittadini, italiani e non solo, che vengono a Dolo per vedere i murales realizzati nelle passate edizioni e parlano della nostra città in termini entusiasti sui più internazionali vettori di notizie: i social network come Facebook e Instagram.”

“L’edizione 2018” – aggiunge Nicoletta Bacino, ideatrice del Festival e presidente dell’Associazione FormeArt – “costituirà, dal punto di vista artistico e culturale un ulteriore passo in avanti capace di confermare il nostro Festival tra gli appuntamenti di settore maggiormente attesi.”

“Protagonisti principali dell’edizione 2018” – continuano Nicoletta Bacino e Alice Baldan di FormeArt – “saranno la talentuosa Hyuro, forse l’artista donna più celebrata in questo momento e Alberonero che, con le sue linee di colore estremamente personali e subito riconoscili ridisegnerà un pezzo molto grigio di Dolo.”

Durante il festival, oltre alla realizzazione dei due interventi principali, si terranno contest, esibizioni, laboratori per i più piccoli, visite guidate e serate all’insegna delle musica e dello spettacolo.

Sara Zanferrari

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close