Zucchero “Sugar” Fornaciari

Venezia: martedì 03 luglio è andato in scena, nella meravigliosa Piazza San Marco a Venezia, un evento che farà la storia della città lagunare. La voce di Zucchero “Sugar” Fornaciari ha riempito la piazza e incantato i settemila spettatori presenti. Quasi tre ore di show, 32 pezzi che hanno ridisegnato la storia musicale dell’artista. Un cornice d’eccellenza con sfondo la Basilica, per un mito della musica italiana ed internazionale, due date per soddisfare le richieste del pubblico.

Maestose le misure di sicurezza e numerose le personalità accorse all’evento, tra tutti il sindaco della città lagunare Luigi Brugnaro.

Il sindaco prima del concerto ha dichiarato: “Un amore che non nasce oggi” e continua “L’amore per la città di Zucchero non nasce oggi Stasera ha solo detto cose che pensa da tanti anni. Lui viene spesso a Venezia ed è stato un grande piacere aver ricominciato a utilizzare piazza San Marco con il suo concerto. Le spese del concerto – ha voluto sottolineare poi il primo cittadino – sono state a carico dell’organizzazione di Zucchero. Hanno offerto uno spettacolo di altissima qualità, dialogando con tutta la città”.

“Per me Piazza San Marco è un sogno e voglio godermela tutta” ha esordito così l’eccentrico cantante “Qualsiasi artista vorrebbe essere qui al posto mio, in questa piazza”, queste le parole del bluesman. “Il mio compito – ha continuato- è fare di tutto per non rovinare questa bellezza. Sono qua per proteggerla. Tutti i timori espressi prima di questo concerto da parte dei veneziani che mi dicevano ‘lascia la città come l’hai trovata’, sono svaniti. Dopo 158 concerti con questi compagni d’avventura – ha raccontato – avevo un sogno: Piazza San Marco. ‘Non la danno più’, mi avevano detto. Ma le sfide sono belle perché sono quasi impossibili. Se no che sfide sono”.

Uno show ricco ed intenso senza pause e arricchito dalla presenza del giapponese Tomoyasu Hotei che con energia a fatto suonare la sua chitarra e con la potente voce di  Cheryl Porter & Halleluiah gospel singers.

Un pioggia iniziale avrebbe potuto rovinare lo spettacolo, ma poco dopo è ritornato il sereno e il calore del pubblico ha scaldato la serata. Le aspettative dei fan non sono state deluse. Variegato il pubblico pagante, età differenti per uno show unico che ha unito e fatto ballare tutti. Il fuori programma finale, pur spiazzando la band ha reso ancora speciale una serata che lo era già sulla carta. Con“A Wonderful World” Zucchero ha salutato la piazza e dato la buona notte a tutti

Grazie a Parole & Dintorni per la possibilità di partecipare all’evento.

Sempre in prima fila da sotto il palco.

Per www.ilsestantenews.it Alessio Marini

Foto www.amprogettoimmagine.it Alessio Marini all rights reserved.