Esce nel mercato una rivista di Filosofia tutta veneta

Nell’era delle start-up e delle idee innovative, anche la Filosofia sembra oggi aver trovato un modo per uscire dalle mura accademiche e aprirsi alle tendenze del mercato editoriale.

La Chiave di Sophia, realtà trevigiana già attiva da tre anni, fa il suo ingresso nel mercato editoriale italiano con una rivista del tutto nuova nel settore: una rivista che vuole aprire la Filosofia ad un pubblico eterogeneo, vario, dalla casalinga alla studente, dall’operaio al manager. «Per troppo tempo la Filosofia è stata riservata ai pochi, principalmente appartenenti al mondo accademico, con la conseguenza di limitarne la sua fruizione e quindi causarne una situazione di stagno nel mercato editoriale contemporaneo» spiega Elena Casagrande, presidente La Chiave di Sophia. «Da qui è nata l’esigenza di ripensare dei prodotti di carattere filosofico che permettesero di arrivare ad un pubblico più ampio, un pubblico che, in un modo o nell’altro, non si è mai interfacciato con la Filosofia

Con l’obiettivo quindi di rigenerare il mercato dell’editoria filosofica, La Chiave di Sophia, ben attenta all’estetica e al design del prodotto, scuote il mondo accademico segnalando un problema: se la Filosofia continuerà ad essere fatta solo in contesti accademici e con certi standard, allontanandosi dalla praticità della vita quotidiana, sarà sempre più una disciplina di nicchia e considerata inutile.

La Chiave di Sophia, oggi propone una rivista quadrimestrale, disponibile in copia singola o su abbonamento, che raccoglie una sfida: la Filosofia può essere al servizio di tutti, con un linguaggio fruibile e accessibile da chiunque, e sopratutto attenta a rileggere tutto ciò che la vita quotidiana offre.

A dimostrazione della forte impronta legata all’attualità, è la ricerca interna che ciascun numero della rivista offre: «Di volta in volta scegliamo le grandi questioni che interessano il mondo contemporaneo, ciò che ha più bisogno di trovare ulteriori significati e che muove il dibattito attuale» ci spiega Giorgia Favero, caporedattore della rivista «In questo nuovo numero abbiamo voluto indagare il rapporto tra Uomo e Natura, oggi sempre più complesso ma anche più fragile, che coinvolge non solo la produzione di beni e servizi nell’ormai noto orizzonte paradigmatico della Green Economy, ma anche comportamenti di consumo, le politiche e la cultura, nell’intento di formare quella che viene definita una Green Society.» Molti i partner di grande rilievo che hanno partecipato al numero dedicato all’ambiente, tra questi: Legambiente Italia, nella persona del suo presidente Rossella Muroni, Arte Sella di Trento, Arbos Italian Eco Design, National Geographic, il Gastronauta di Milano e molti altri.

I contenuti della rivista cartacea sono inediti rispetto all’attività online ma si inseriscono nella stessa visione di pensiero dell’organizzazione: credere in una filosofia in dialogo con le altre discipline e con il mondo dell’attualità e del quotidiano: questo è sempre stato in passato il significato della filosofia e dunque lo è ancora oggi. Basta solo trovare la Chiave giusta.

Se eravamo convinti che la filosofia fosse una materia per pochi e per studiosi, ci sbagliavamo: La Chiave di Sophia, che raccoglie ben quaranta autori da tutta Italia e che gode di un tessuto di collaborazioni che vede enti, istituzioni e aziende impegnarsi nell’obiettivo, si sta facendo largo nel mercato e principalmente nel territorio veneto.

Per acquistare la rivista: qui

Per abbonarsi: qui

La Redazione