Intenzionalità e mercato

Alla ricerca delle doti intenzionali per fare la differenza

Domani sul palco dell’auditorium Stefanini di Treviso andrà in scena l’evento Intenzionalità e mercato, all’interno del festival filosofico di Treviso Pensare il presente.
Sebastiano Zanolli e Giacomo Dall’Ava parleranno delle doti necessarie per ottenere successo nella società liquida in cui siamo immersi. Vendita e filosofia, mercato e scienze cognitive si uniscono per un risultato nuovo, unico e inedito. Le dottrine del sapere si confrontano con la realtà, con il contesto nel quale agiamo ogni giorno. I relatori ci faranno capire l’importanza della nostra intenzionalità per fare la differenza, per non rimanere spettatori passivi all’interno del mercato.

E quando si parla di mercato, non si può che chiamare sul palco un manager, un professionista che ha contribuito a creare il mercato, a raggiungere traguardi eccelsi sia per il marchio della Diesel, che per la sua figura professionale: Sebastiano Zanolli.
Sebastiano è un manager fuori dal comune, unico nelle sue modalità e nei risultati ottenuti. Ma non chiamatelo formatoremotivatore. Sebastiano è qualcosa di più, qualcosa di diverso. Mette assieme le esperienze accumulate nell’arco della sua vita e della sua carriera, ricavando tutto ciò che può essere utile ad aziende e persone per ottenere risultati e migliorare il proprio percorso professionale.
Assieme a lui ci sarà Giacomo Dall’Ava, che attualmente collabora con Sebastiano alla creazione di idee, percorsi di sviluppo e riflessioni. Giacomo si dedica alla formazione aziendale e al valore umano negli ambiti lavorativi e familiari, a partire da una laurea in filosofia da cui attinge ispirazioni e contenuti.

Mercato e filosofia per parlare di intenzionalità. I relatori ci mostreranno come possiamo capire se una nostra azione sia intenzionale. Ma a cosa ci servirà? A fissare uno scopo, uno scopo intenzionale e personale, anche se siamo travolti da input, segnali, pubblicità. Anche il rapporto con gli altri, con i nostri simili, ci influenza e ci direziona. Non siamo immuni dal giudizio degli altri né dall’intenzionalità altrui.
Allora risulta fondamentale capire quali sono i confini delle nostre azioni intenzionali, e scoprire come poter affermare la nostra personalità e consolidare la nostra coscienza.

La chiave di Sophia