Lutto per la cinematografia padovana

E' morto Gastone Proto, fondatore del cinema Astra

Nato a Milano il 20 aprile 1923, nel dopoguerra affianca il padre Gennaro nella gestione di numerose sale cinematografiche a Padova, Trento, Chioggia, Bassano, Rovigo ed altri centri minori. Assieme al fratello Walter lavora anche nel settore della Distribuzione cinematografica, portando al successo tanti titoli legati alla produzione americana ma anche a quella dei paesi dell’Est. Si occupa anche di Spettacolo e teatro e negli ultimi anni del suo impegno lavorativo è Consigliere di Amministrazione della Fenice di Venezia. Si è occupato per più di quarant’anni dell’Attività Associativa dell’Anec (Associazione Nazionale Esercenti Cinema) e dell‘Agis (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo) di cui ha ricoperto le cariche di Tesoriere, Revisore dei conti e Presidente.

SARTORE. “Diventa Presidente dell’Anec Triveneta nel 1994 – ricorda Marco Sartore, Segretario dell’Agis Triveneta – esattamente quattro anni dopo la mia assunzione. Nello stesso periodo io diventavo Segretario dell’Associazione, iniziando una frequentazione professionale che da subito coinvolse anche il lato personale trasformandosi in una vera amicizia. Seguirono otto anni di viaggio, riunioni, incontri e lavoro che mi consentirono di conoscere Gastone Proto sia sul piano professionale dove l’amore e la conoscenza del suo lavoro ne facevano una figura di assoluta autorevolezza riconosciuta da tutti, ma anche sul piano umano dove univa una signorilità di tratto e modi, uniti ad una generosità straordinari».

IL RICORDO. “Non potrò mai scordare – continua Marco Sartore – quante cose ho imparato da lui; dalla sua profonda umanità e dal suo modo di relazionarsi a tutti i livelli con il medesimo rispetto ed una grande attenzione e capacità d’ascolto del suo interlocutore. I suoi racconti della lotta partigiana, il suo impegno politico e la sua disponibilità ad aiutare tutti hanno sempre evidenziato qualità morali di assoluto livello” “Senza paternalismo sapeva essere paterno e – da buon padre di famiglia – farsi carico di interessi generali!”.

IL FIGLIO. “Oggi è mancato mio padre – ha scritto su Facebook il figlio Luca – Mi ha insegnato molte cose ma non è mai riuscito a trasmettermi la passione per i funghi che invece adorava. Eppure tra tante foto che mi girano per le mani in queste ore questa è quella che mi piace di più”. Le Associazioni di Categoria del Settore dello Spettacolo lo ricordano e sono vicine alla Famiglia.

n.s.