Sempre attivo il gemellaggio di Pianiga con Giebelstadt

PIANIGA. Lo scorso fine settimana un gruppo di 50 persone di Giebelstadt, cittadina gemellata con Pianiga da ormai 14 anni, ha fatto visita al paese, nell’ambito di un viaggio  organizzato per visitare diverse località italiane, Bolzano, Trento, Bassano, Mirano, fino a raggiungere Pianiga come tappa finale.

Il gruppo è arrivato nel primo pomeriggio di lunedì e ha partecipato a una visita di alcuni luoghi importanti nella vita di Pianiga, sebbene siano stati limitati per ragioni di tempo.

Sono stati accolti nella palestra della scuola media dall’Assessore Gianluca Volpe, responsabile per il gemellaggio, e da alcuni cittadini che spesso partecipano a queste occasioni di incontro con i ‘gemelli’ tedeschi, fra cui Severino Scarabello che ha gentilmente tradotto domande e risposte. Dopo la visita della scuola e un po’ di storia del paese, si sono spostati nell’adiacente biblioteca comunale, dove il bibliotecario Fabio Gentilin, aiutato dalle traduzioni di una cittadina di Giebelstadt, ha raccontato quanti e quali volumi sono presenti e spiegato come si svolgono i prestiti.

Quindi la visita è proseguita nell’attuale sede del Comune e poi a villa Querini Calzavara Pinton, prossima sede dell’Amministrazione, dove il gruppo è stato raggiunto dal sindaco, Massimo Calzavara, che ha raccontato dei lavori di ristrutturazione e degli usi a cui verranno presto adibite le varie sale. I tedeschi hanno infine ricevuto in dono dalle mani dell’Assessore Volpe i tradizionali San Martino.

Tutti sono rimasti ammaliati dalla bellezza della Chiesa di San Martino Vescovo, spiegata con dovizia di particolari dal delegato del parroco, Fiammello Cacco.

La visita si è conclusa con un italianissimo ‘cappuccino’ a Cazzago, mentre alla sera alcune famiglie si sono organizzate ed hanno ospitato per la cena i loro amici.

Ancora una volta l’amicizia fra i due paesi è stata occasione per far conoscere a più gente possibile i luoghi e le caratteristiche del paese veneziano, in vista della tradizionale visita annuale programmata per giugno prossimo.

Sara Zanferrari