Economia

Salvini e Di Maio per i truffati

Salvini e Di Maio a sostegno dei truffati

Si è svolto presso il Centro Sport Palladio di Vicenza, l’incontro tra le associazioni dei risparmiatori truffati dalle banche venete e i ministri Salvini e Di Maio. “Noi che credevamo in BPVi e Veneto Banca” il titolo dato all’assemblea che ha registrato un vero e proprio bagno di folla nella mattinata di sabato 9 febbraio 2019.

Vicenza blindata

Tantissime le forze dell’ordine mobilitate nella blindatissima città del Palladio per l’incontro che ha visto, dopo le forti tensioni dei giorni scorsi riguardo i lavori della TAV, i due ministri di opposte fazioni uniti sul fronte della lotta ai truffatori e in difesa dei risparmiatori vittime della liquidazione delle banche popolari venete cedute a Banca Intesa.

L’incontro

Ad accedere all’assemblea solo gli accreditati, sin dalle prime ore del mattino accalcatisi davanti alla porta d’ingresso e che hanno portato alla mobilitazione di tantissimi agenti, dato anche le annunciate proteste degli antagonisti della Lega e dei rivali dei pentastellati.

Fatti o parole?

“Rimborsi automatici per azionisti e obbligazionisti”, questo quanto annunciato, con non poche perplessità della Commisione Ue, dai due leader questa mattina a Vicenza. “Se all’Europa non va bene, per noi va bene lo stesso, tiriamo dritto”, ha replicato Salvini tra gli applausi dei presenti. Annunciato anche l’avvio della commissione d’inchiesta sulle banche.

L’unione fa la forza

In chiusura, un abbraccio intenso tra Salvini e Di Maio a rincuorare i migliaia presenti al meeting e le centinaia che protestavano fuori dal Centro Sportivo con striscioni, cartelloni e slogan contro le ex Popolari venete. Non rimane che augurarsi che la giustizia, almeno in questo caso, faccia il suo corso.

 

Nico Parente

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close