Arriva Rovazzi: pienone al concerto, città in tilt

Caos viabilità e parcheggi, accessi chiusi. Gli organizzatori: "Garantita la sicurezza"

MIRANO. Serata finale del Mirano Summer Festival con il pienone e la città va in tilt. Traffico e caos parcheggi, non solo nell’area degli impianti sportivi dove si è svolta per 30 serate la manifestazione, ma anche verso il centro e nei quartieri residenziali.

Immancabili le polemiche, di residenti rimasti chiusi in casa e degli spettatori, per la chiusura anticipata degli ingressi durante il concerto di Fabio Rovazzi, che ha chiuso questa edizione con una vera e propria invasione di pubblico, anche perché messo ad entrata libera.

Polemiche a cui ha subito risposto l’Associazione Volare, che organizza l’evento: “Le misure di sicurezza durante la serata di domenica, come per tutto il mese di manifestazione, sono contenute in un piano specifico approvato dalle autorità preposte e che ha superato le verifiche sul campo. Diversamente non sarebbe stata rilasciata l’autorizzazione allo svolgimento dell’evento. In serata, gli ingressi dell’area concerti, a seguito del grande afflusso di persone, sono stati chiusi proprio per garantire il rispetto delle stringenti misure di sicurezza, istituendo una sorta di “numero chiuso” all’interno dell’area concerti a tutela dell’incolumità dei presenti. Durante la manifestazione sono stati presenti per tutta la serata le forze dell’ordine e il personale sanitario (compresa un’unità di supporto per incidente maggiore del nucleo soccorso speciali dell’Ulss 3) previsto per questo tipo di eventi e assembramenti di persone. Non risultano incidenti o malori verificatisi all’interno e per tutta la durata della serata. Si precisa infine che la gestione della viabilità esterna e dei parcheggi non è di stretta competenza dell’organizzazione”.

La palla passa dunque al Comune. Per quanto riguarda l’organizzazione invece: «La serata è stata un grande successo», afferma il patron del festival, Paolo Favaretto, «abbiamo voluto concludere questa edizione in bellezza e con una sorpresa dedicata in particolare ai nostri giovani, che ogni anno sono l’anima di questa manifestazione e ne garantiscono il successo. Ci spiace per i disagi, ma il motivo è stato solo quello di concludere con un concerto gratuito questa straordinaria edizione, dando a tutti la possibilità di partecipare, anche a chi non può permettersi un biglietto».