Calatrava come trampolino

VENEZIA – Ancora una volta maleducati visitatori si sono serviti di Venezia come palcoscenico per le loro pericolose bravate. Questa mattina alle 6 un gruppo di uomini è salito sul ponte di Calatrava, si sono spogliati con calma e poi si sono tuffati da un’altezza considerevole e incuranti del fatto che sarebbe potuta passare una barca proprio lì sotto. L’ex generale dei carabinieri e consigliere comunale del gruppo misto Ottavio Serena dice: «Ancora una volta la nostra città è utilizzata come una piscina in modo incosciente e pericoloso. E se fosse passata una barca come lo scorso anno a Rialto?».
Ritorna dunque il tema dello scarso presidio di zone strategiche della città, visto che da quel ponte passano quotidianamente più di 10mila persone.