Pienone per lo “Yellow tribute”

Sessanta attività coinvolte, 20 punti di intrattenimento, 13 tappe del gusto Vianello (Confcommercio):«Straordinaria partecipazione già all’ora di cena»

Giallo dappertutto, tranne che sui numeri. Spinea si conferma città da evento e grazie anche alla clemenza del maltempo, che sfiora soltanto la festa, registra le presenze delle migliori edizioni: oltre 40 mila i visitatori stimati ieri sera per la Notte Gialla, che tradizionalmente apre i saldi estivi.

Quasi 60 attività aderenti, il 70% di quelle presenti in centro, 20 occasioni di intrattenimento sotto le stelle per tutte le età, 13 tappe di un percorso gastronomico che si conferma molto ricercato, con specialità preparate da bar e ristoratori locali che non hanno deluso le attese. E un bilancio impreziosito da un centro interamente pedonale, dai Bersaglieri a Bersaglieri a Piazza Marconi, con il traffico di via Roma dirottato senza grandi disagi lungo l’anello esterno, sia in direzione Mestre che Mirano.

Più che soddisfatti gli organizzatori. «E’ andata così bene», spiega Patrizia Vianello, vicepresidente di Confcommercio del Miranese e capodelegazione di Spinea, «che abbiamo raggiunto e, secondo me superato, i numeri delle migliori edizioni. Questo nonostante un po’ di pioggia abbia anticipato la fine della ressa già verso le 23.30. Ma ci sono stati due aspetti che fanno di questa Notte Gialla un successo: il primo è che i locali hanno comunque continuato a lavorare, il secondo è che davvero quest’anno la gente è uscita prima, già alle 19 per mangiare, prendendo d’assalto le tappe del percorso del gusto e questo ha garantito oltre quattro ore di grande affluenza. Bene anche i saldi, nel primo giorno di occasioni, con i negozi che hanno lavorato, a detta degli stessi titolari, più degli altri anni».

Qualche altro dato: secondo il consueto questionario di gradimento somministrato da Confcommercio del Miranese a un campione rappresentativo di visitatori, anche in questo caso (come riscontrato a Olmo la settimana scorsa) ben il 99% degli intervistati considera i negozi aperti uno degli elementi essenziali e imprescindibili per la buona riuscita della manifestazione. Insomma, non ci può essere Notte Gialla senza negozi aperti. Quanto alla partecipazione, per il 66% si è trattato della prima Notte nel Miranese, per il 19% è stata la seconda, per l’11% la terza. A dimostrazione che il pubblico cambia e le persone raggiunte dal format sono sempre di più.

Il resto lo ha fatto un intrattenimento davvero all’altezza. Con una particolarità che a Spinea è sempre una garanzia, grazie al passaparola tra commercianti e addetti ai lavori: dove non arriva l’organizzazione “ufficiale”, ecco entrare in azione la voglia di ritrovo della gente e l’estro dei singoli negozianti, che hanno saputo fare rete splendidamente coordinati dalla stessa Vianello e da Cristina Favaretto. Così, oltre al “yellow tribute” che ha portato in strada alcune tra le migliori band con tributo ad affermati artisti italiani e internazionali, in molti casi con capannello fisso di pubblico, va registrato lo straordinario successo del ritrovo spontaneo degli iscritti al gruppo Facebook “Sei di Spinea se…”, una delle sorprese della serata, anche di partecipanti, con speciali selfie ricordo, ovviamente in giallo, che hanno coinvolto anche i passanti.

L’appuntamento, l’ultimo di questa prima parte d’estate con le Notti nel Miranese, ora è a Noale, sabato prossimo, con grandi novità e aspettative.

Gian Nicola Pittalis