Un Tavolo intercomunale per la Pace del Miranese

In uno dei suoi atti definitivi del 2016, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato con un sostegno schiacciante una risoluzione decisiva per avviare negoziati su un trattato che vieta armi nucleari. Questa decisione storica annuncia la fine di due decenni di paralisi nei tentativi di disarmo nucleare multilaterale. Proprio in questi mesi – giugno e luglio del 2017-, i governi alle Nazioni Unite dovrebbero negoziare il divieto e la messa al bando delle armi nucleari.
La WILPF e innumerevoli altre Associazioni chiedono un buon trattato che vieti queste armi di distruzione di massa una volta per tutte! Sabato 17 giugno 2017 a New York City ci sarà una marcia per porre fine alla bomba con persone di tutti i generi, orientamenti sessuali, età, razze, abilità, nazionalità, culture, fedi, affiliazioni politiche.
Il Tavolo intercomunale per la Pace del Miranese, composto dai Comuni di Mirano, Noale, Salzano, Spinea -i quali già aderiscono a Mayor for Peace (istituzione riconosciuta dall’ONU fondata nel 1982 dall’allora sindaco di Hiroshima Takeshi Araki e che coinvolge più di quattromila città in 144 Paesi del mondo per la cooperazione per promuovere l’abolizione delle armi nucleari, la difesa dei diritti umani, l’assistenza ai rifugiati e la lotta alla povertà),- aderisce idealmente a questa mobilitazione in vista delle iniziative di sensibilizzazione che si concluderanno il 6 Agosto – anniversario dello sgancio della Boma Atomica su Hiroschima- come i i 43 rintocchi alle 8.15 della mattina del 6 agosto, che ricorderanno i 43 terribili secondi dello sgancio dell’atomica, e uno spettacolo teatrale che si terrà proprio il 6 Agosto presso la Rocca di Noale “Storie atomiche. Epigoni di una bomba” scritto, diretto e interpretato da Matteo Campagnol e Irene Silvestri.

A.C.M.