5×1000 importanti novità

Un gesto per donare agli altri.

Attraverso il 5×1000 lo Stato, su indicazione dei contribuenti, destina una quota del gettito fiscale IRPEF a sostegno degli Organismi Di Volontariato, delle Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale, e di altri enti.

L’anno nuovo porta con sé una grande novità per quanto riguarda le modalità di accesso al 5×1000, e introduce un’importante semplificazione per chi è già iscritto nell’elenco del 2016.
La semplificazione nell’automatizzare la procedura aiuterà sicuramente gli enti sgravandoli dall’escussione di documenti già in possesso dell’amministrazione ed eviterà un lavoro poco utile nel controllo degli stessi riducendo sprechi e limitando la possibilità di errori umani.

Per gli enti che accedono per la prima volta dal 2017 a seguire:
  1. dovranno procedere all’iscrizione telematica tramite i servizi di Entratel – Fisconline, oppure attraverso gli intermediari abilitati a Entratel, entro il 7 maggio di ogni anno;
  2. entro il 14 maggio verrà pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate un primo elenco dei soggetti beneficiari. Il legale rappresentante o un suo delegato potrà far correggere eventuali errori entro il 20 maggio, poiché l’elenco definitivo verrà reso noto entro il 25 maggio;
  3. entro il 30 giugno il rappresentante legale dell’ente dovrà inviare, pena l’esclusione dall’elenco, alla propria Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà redatta e firmata dallo stesso, alla quale dovrà allegare fotocopia di documento di identità in corso di validità. L’invio potrà essere effettuato tramite raccomandata a/r oppure tramite PEC (Posta Elettronica Certificata).
Per gli enti iscritti all’elenco nel 2016:
  1. l’iscrizione al riparto della quota del 5×1000 permane anche negli anni successivi a quello dell’iscrizione;
  2. tali enti verranno inseriti in un apposito elenco, integrato, aggiornato e pubblicato sul sito web dell’Agenzia delle Entrate entro il 31 marzo di ciascun anno. In caso di errori rilevanti nell’elenco è importante che vengano fatti valere entro il 20 maggio attraverso il legale rappresentante, o un suo delegato, alla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate nel cui ambito territoriale è ubicata la sede legale dell’ente;
  3. la dichiarazione sostitutiva perde di efficacia in caso di variazione del legale rappresentante. Il nuovo rappresentante dovrà provvedere a sottoscrivere e trasmettere una nuova dichiarazione con indicazione di data della sua nomina e di iscrizione alla ripartizione del contributo;
  4. in caso di perdita dei requisiti il legale rappresentante dovrà trasmettere all’amministrazione competente la revoca dell’iscrizione.

Per maggiori informazioni Gazzetta Ufficiale.

Stella Sebelia