La nostra memoria ricordata al cinema Italia di Dolo

DOLO. Cerimonia carica di emozioni domenica scorsa al cinema Italia di Dolo per la consegna dei gagliardetti della memoria istituita dall’Associazione Riviera al Fronte e patrocinata dal Comune di Dolo, occasione importante per far conoscere alla comunità locale pezzi importanti della nostra storia e per omaggiare il ricordo di tante persone coraggiose. Quest’anno la cerimonia ha riguardato la Seconda Guerra Mondiale in considerazione della mostra che si è appena conclusa all’ex macello: ‘1935-1945. Guerre e storie di uomini e mezzi’

La consegna dei gagliardetti è stata fatta dal Presidente di Riviera al Fronte Ivan Bruno Zabeo, affiancato dai rappresentanti dei comuni rivieraschi e metropolitani. Per il Comune ospitante quest’anno presente il vicesindaco Gianluigi Naletto. Altri sindaci presenti Gianpietro Menin di Camponogara e Sabrina Doni di Rubano (PD); per Pianiga presente il vicesindaco Federico Calzavara, per Stra il consigliere Cristian Masci, per Mira il presidente del consiglio comunale Giorgio Zapparoli, per Campolongo il consigliere Simone Taschin, per le associazioni presenti il presidente dell’ANPI di Dolo Corrado Mion e il presidente dell’associazione combattenti e reduci di Dolo Gianni Casarin.

I gagliardetti sono stati consegnati a figli, nipoti e parenti, in un’atmosfera di palpabile commozione. Due i reduci ancora in vita, che hanno portato con la loro presenza un ricordo ancora più vivo: Giuseppe Caon e Antonio Boldrin. Importante soprattutto per i più giovani poter vedere con i propri occhi la testimonianza vivida di ciò che leggiamo sui libri di storia, ma che è soprattutto storia di persone, di valori e affetti.

Anche Ivan Zabeo nella sua introduzione alla bella mattinata ha evidenziato questi importanti messaggi: il primo è che “se noi siamo quello che siamo, cittadini di una Repubblica che ha i suoi problemi ma che ci permette di respirare libertà, diritti e benessere, lo dobbiamo a coloro che partirono (alcuni non tornarono) e a cui dobbiamo prestare ogni onore”. E conclude con un secondo messaggio molto significativo: “Noi cittadini del 2017 abbiamo una grande fortuna, che è quella di vivere liberi e, nonostante le varie crisi economiche di questi ultimi anni, nel benessere. Questo lusso lo diamo per scontato, a volte non riflettiamo nemmeno su quello che abbiamo perché concentrati su tanto altro. Non diamo la nostra libertà per scontata, culliamola e difendiamola, con consapevolezza e intelligenza.”.

Sara Zanferrari