Il Cittadino

Amministrative, Saccardin punta sul turismo

L’intervento dell’ex assessore e candidato sindaco: «Rovigo e turismo, un binomio possibile»

Rovigo. Continua il nostro approfondimento in vista delle elezioni amministrative del prossimo 26 maggio, quando il capoluogo del Polesine dovrà scegliere il nuovo sindaco. Già vi abbiamo descritto gli obiettivi della lista di M5S e di quella di centro sinistra. In vista delle amministrative, Saccardin punta sul turismo.

Amministrative Saccardin punta turismo

Chi è Antonio Saccardin

Antonio Saccardin, detto Gianni, si è laureato in chimica a Padova e ha poi insegnato per 28 anni negli istituti superiori della Provincia di Rovigo fino al 2001. È sposato da 39 anni e padre di 7 figli.

Per oltre trent’anni ha svolto attività di animatore con giovani e famiglie nella sua parrocchia di Granzette, nella Vicaria Suburbana e nella Diocesi.

Nel capoluogo è stato assessore per molti mandati: dal 2002 al 2006 ai Servizi Sociali, alla Famiglia e alle Politiche Giovanili. Dal 2011 al 2014 è stato anche vicesindaco della città.

Dopo aver maturato esperienza nell’amministrazione, ha fondato Presenza Cristiana, che oggi lo candida a sindaco della città.

Amministrative Saccardin punta turismo

Un occhio al turismo …

Un po’ a sorpresa, Saccardin punta sul turismo. «Rovigo può diventare davvero una meta per turisti», afferma. «La città, con i suoi beni culturali e storici, ma anche grazie ad una serie di eventi di livello, e vista la sua posizione geografica al centro di un’area di pregio naturalistico, ha tutte le carte in regola per rappresentare una destinazione di interesse».

Saccardin parla di una serie di eccellenze polesane in grado di soddisfare le esigenze di un turismo di nicchia: Rovigoracconta e tutte le iniziative del Maggio Rodigino, le mostre a Palazzo Roverella, Torre Donà che a breve potrebbe aprire al pubblico.

Amministrative Saccardin punta turismo

… uno all’ambiente…

Quindi Saccardin punta sul turismo. Ma per il candidato è importante anche «il fatto di trovarci a un passo dal Delta del Po, dalla sua biosfera Unesco e il Canalbianco che passa alle porte della città». Questi elementi, secondo il candidato, rendono possibile il binomio Rovigo – Turismo. Ma ciò, secondo l’ex assessore, a patto che «il Comune eserciti un ruolo da protagonista nella promozione in stretto contatto con gli operatori pubblici e privati della filiera».

… e uno ai giovani

Concetti chiave dell’azione politica di Saccardin sono autenticità, genuinità e sostenibilità ambientale. Con queste parole, l’ex assessore vuole guardare anche ai giovani, per i quali auspica un maggiore coinvolgimento nella vita della città.

«Occorre avviare subito progetti e percorsi creativi, culturali, lavorativi, di prevenzione delle devianze, socializzazione e solidarietà». «E ciò – commenta – al fine di creare un rapporto di collaborazione con le realtà educative del territorio quali scuole, università e associazioni».

Nuovi spazi aggregativi

Oltre a puntare sul turismo e sull’ambiente, Saccardin è pronto a individuare e mettere a disposizione spazi aggregativi che favoriscano il confronto, la creatività e il protagonismo giovanile. A tal proposito, Saccardin ha in mente proposte concrete. Innanzitutto il potenziamento del ruolo del Forum dei Giovani e dello Sportello Informagiovani, punti di riferimento e orientamento per tanti ragazzi anche per l’inserimento nel mondo del lavoro.

«Su questo fronte – aggiunge – la prossima amministrazione dovrà essere in grado di intercettare bisogni ed istanze impegnandosi a sostenere e promuovere iniziative finalizzate allo sviluppo occupazionale, perché con il futuro dei nostri giovani è in ballo il futuro di tutti noi».

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close