Aree di crisi industriale, a San Donà i finanziamenti del Ministero

Luce verde per le iniziative imprenditoriali nel territorio dei Comuni veneti riconosciuti come aree di crisi industriale non complessa. Disponibili risorse finanziarie per 3,6 milioni di euro i sistemi locali del lavoro di San Donà di Piave, Monselice, Montagnana e Portogruaro. Nel caso di San Donà le agevolazioni sono riconosciute all’area industriale di via Kennedy, per gli investimenti industriali previste dalla legge 181 del 1989, recante misure di sostegno e reindustrializzazione, in attuazione del piano nazionale di risanamento della siderurgia. L’intervento è gestito da Invitalia (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa) cui vanno presentate le domande di accesso alle agevolazioni, secondo le modalità e le indicazioni specificate nella sezione dedicata del sito internet della stessa Agenzia. Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 12 del 19 luglio 2018 e fino alle ore 12 del 17 settembre 2018.

«È la conclusione di un percorso avviato già almeno tre anni fa, in collaborazione tra amministrazione comunale e Confindustria, e di cui beneficia non solo San Donà ma tutto il suo sistema del lavoro, quindi anche i comuni vicini – spiega il sindaco Andrea Cereser – Già nell’ottobre 2016 un decreto del Ministero per lo sviluppo economico aveva riconosciuto all’area di via Kennedy le caratteristiche per beneficiare delle agevolazioni finanziarie. Ora, finalmente, viene pubblicato il bando per fruirne». San Donà è stata ritenuta meritevole anche perché ritenuta punto di attrazione principale, sulla base di dati Istat, di un sistema locale del lavoro. Sono quasi 88mila, ovvero una popolazione più che doppia di quella cittadina, le persone che gravitano, direttamente o indirettamente, su San Donà per ragioni di lavoro. Le risorse finanziarie disponibili ai fini della concessione delle agevolazioni ammontano esattamente a 3.624.087,00 euro, di cui 2.424.087,00 a valere sulle risorse della legge n. 181/1989 e 1.200.000,00 euro resi disponibili dalla Regione Veneto.

«Si tratta di un’opportunità di sviluppo per le imprese del Veneto orientale cui Confindustria Venezia ha sempre creduto e per la quale ha lavorato molto, insieme all’Amministrazione Comunale di San Donà – secondo Vincenzo Marinese, Presidente di Confindustria Venezia Rovigo – Abbiamo infatti chiesto ed ottenuto che venisse data la possibilità di usufruire dei finanziamenti a tutte le imprese – anche grandi -, che fosse premiato il mantenimento occupazionale e l’incremento del numero dei posti di lavoro. La Regione ha colto le nostre istanze ed ora si apre la possibilità di presentare progetti di sviluppo per queste aree industriali: un’occasione da non perdere».

Pierluigi Tamburrini