Avis: Prime donazioni maturandi Liceo Galilei e Istituto Musatti

A seguito alla campagna di idoneità alla donazione di sangue eseguita presso il Polo Scolastico di Dolo e promossa dall’ Avis Riviera del Brenta in collaborazione con il Centro Trasfusionale di Dolo, in data 8 giugno 2017, 50 studenti delle classi V del Liceo G.Galilei di Dolo si sono recati presso il Centro Trasfusionale dell’Ospedale di Dolo, per eseguire la loro prima donazione.
I ragazzi sono stati accompagnati dalla Professoressa Tami e la scuola, per sottolineare l’importanza del gesto, ha riconosciuto a tutti l’assenza giustificata.
Tutto il personale del Centro ha svolto un ottimo lavoro di squadra per garantire la buona riuscita dell’evento straordinario e i donatori abituali si sono stupiti ma nello stesso tempo compiaciuti della piacevole iniziativa vedendo realizzato il loro desiderio di passaggio del testimone alle nuove generazioni.
Questa massiccia partecipazione dei ragazzi testimonia il loro interesse di proporsi come cittadini attivi del territorio.
L’evento si è ripetuto martedì 13 giugno con una ventina di ragazzi dell’istituto alberghiero Musatti, accompagnati dalla professoressa Bastianello.
Il risultato ottenuto è stato possibile grazie alla collaborazione dell’Avis di Maerne che ha messo a disposizione l’elettrocardiografo, alla disponibilità di due operatrici sanitarie, Grazia Fecchio e Roberta Calzavara e alla squisita sensibilità della D.ssa Patrizia Nicolin, la quale ha dato lettura dei 227 elettrocardiogrammi in forma del tutto gratuita.
L’Avis ringrazia il Direttore del DIMT, Dott. G. Gessoni, la Dottoressa F. Alborino, Primaria del CT di Dolo e Mirano e tutto il personale sanitario e amministrativo del CT per la preziosa collaborazione e pazienza ma anche le Avis consorelle di Stra, Camponogara e Vigonovo che hanno creduto nell’iniziativa e collaborato a stretto giro con Avis Riviera del Brenta, nonchè, per ultimi, ma non certamente meno importanti, tutti i giovani studenti che hanno scelto di iniziare la loro preziosa avventura di Donatore di sangue in un momento topico della loro vita: la maturità.
Questo è un segnale di speranza e positività che sfata l’idea di una gioventù poco impegnata e disattenta nei confronti del prossimo.

Lino Perini