Campolongo Maggiore. Il comune protesta per il ritardo dell’erogazione del fondo di solidarietà

“Pretendiamo al più presto lo stanziamento da parte del Ministero del fondo di solidarietà che spetta al nostro comune. Non sono più accettabili rinvii e ritardi”. A dichiararlo con molta fermezza è il sindaco di Campolongo Maggiore Andrea Zampieri.  “Come giunta abbiamo deliberato diversi interventi, pagamenti e contributi che intendavamo fare a breve termine. Ma gli uffici non possono concretamente provvedere a causa di una scarsa liquidità nelle casse comunali, dovuta al mancato e ritardato introito del fondo di solidarietà da parte del Ministero. Non possiamo più aspettare, i continui ritardi mettono in difficoltà il Comune nell’erogazione dei servizi indispensabili verso i cittadini”. Nella vicenda interviene anche il capogruppo di maggioranza Simone Taschin delegato dal sindaco nei rapporti con le realtà parrocchiali: “Come Amministrazione abbiamo voluto dare dei segnali ben precisi alle nostre parrocchie fornendo un serio contributo alle scuole paritarie, servizio indispensabile nel nostro territorio che va a supportare le mancanze statali. La maggioranza ha deliberato un aumento del contributo alle scuole paritarie del 20%, consapevoli del prezioso servizio che queste scuole offrono al territorio ciò anche alla luce della sempre più precaria situazione economica che si trovano ad affrontare. Ma anche questi contributi sono fermi a causa della mancata erogazione dei fondi dal Ministero. Le ultime rassicurazioni avute dai funzionari romani dopo i nostri continui solleciti, parlano dell’arrivo dei finanziamenti alla fine di questo mese. Confidiamo non siano solo promesse.

(L.P.)