Coordinamento dell’ospedale polemizza con comitato Salvioli

” Il punto nascite di Dolo non si tocca” In modo deciso e polemico il Coordinamento Cittadini per l’Ospedale di Dolo osserva. ” Il Comitato Salvioli di Mirano cavalca l’onda pre-elettorale e ‘detta la linea’ ai candidati sindaci miranesi sulle cose da fare per il loro ospedale.
Legittimo, ci mancherebbe. Tra le varie istanze, però, qualcosa stona, in primis l’ipotesi di un settore materno-infantile unificato per tutta l’area dell’ex ULSS 13.

Diciamo no! – aggiungono al coordinamento per l’ospedale dolese – Le schede ospedaliere vigenti (positive per Dolo, conquistate a fatica anche per merito dell’azione dei cittadini) prevedono che l’Unità Complessa del settore in questione rimanga a Dolo: la storia, le eccellenze, soprattutto la realtà geografica rendono validissima questa scelta. Certamente servono interventi strutturali per migliorare servizi e degenza, e su questo, come su tutti gli aspetti della manutenzione straordinaria del nostro ospedale, politica e istituzioni devono decidere e programmare nel merito in tempi rapidi. Se perderemo il punto nascite, tutto l’ospedale ne risentirà e si svuoterà pezzo dopo pezzo.
L’avvio del nuovo Pronto Soccorso e di altri interventi già effettuati sono segnali di una nuova attenzione verso l’ospedale di Dolo? Bene, ciò dev’essere l’inizio del suo rilancio.

Lino Perini