Gli angeli del lavoro

Immaginiamo cio’ che vi viene in mente dopo aver letto il nostro titolo: schiere di cherubini con 24 ore alla mano; imprenditori benevoli e di manica larga; colleghi sempre pronti a tirarvi fuori dagli impicci.
Niente di tutto cio’ (purtroppo?).
In realta’ oggi vogliamo mettere al centro dei riflettori gli operatori del mercato del lavoro, veri angeli a supporto di chi si trova in difficolta’.
La figura nasce con il “taglio nuovo” che i percorsi formativi finanziati dalle Regioni hanno avuto negli ultimi anni, con l’obiettivo di renderli piu’ efficaci nel ricollocamento dei partecipanti.
Rendendosi conto che le sole competenze acquisite durante i percorsi formativi erano insufficienti, si e’ deciso di ingaggiare degli esperti del mercato del lavoro con il compito di: valutare le competenze passate e presenti di ogni partecipante; comprenderne obiettivi e motivazioni; illustrare il mercato del lavoro di oggi e capire dove e come ricontestualizzare il partecipante con maggior successo; guidarlo nel processo di reinserimento.
Negli ultimi anni questi spcialisti, alla conclusione di percorsi formativi finanziati rivolti a disoccupati o inoccupati di tutte le eta’, si sono presi cura di “orientare” chi aveva perso la strada in un mercato del lavoro diverso anni luce da quel che conosceva e chi la strada non l’aveva mai trovata.
Un esperto a disposizione nel momento del bisogno, un vero e proprio angelo del lavoro insomma, che spesso fa la differenza.
Spiace pero’ constatare che figure professionali come queste, indispensabili in periodi storici come quello attuale, non siano messe nelle condizioni di poter operare con la giusta serenita’.
E’ infatti recentissima la protesta degli operatori del mercato del lavoro impegnati con l’ANPAL e per la seconda volta in scadenza di contratto. Insomma come possono dei “precari demotivati ed arrabbiati” supportare in modo sereno ed efficace degli utenti che (spesso) necessitano anche di un supporto morale?
Da noi un plauso grandissimo a questi professionisti e l’augurio che gia’ da domani la loro professionalita’ e la loro dedizione siano ripagate come devono.

Marco Garbin