Mira. Sabato ad Oriago si parla di Costituzione

Sabato alle 18 nell’auditorium della biblioteca di Oriago di Mira si parlerà di Costituzione.
Cosa cambia qualora dovesse passare il referendum?
“È una battaglia che appartiene a tutti cittadini – dice il Movimento Cinque Stelle di Mira che organizza l’evento – una battaglia che non è di sinistra, non è di destra, non è di centro. È la battaglia di tutti”
A parlare nel dibattito il tributarista di Noale, Alberto De Franceschi che interverrà sulle questioni fiscali. “Semplicemente nelle ragioni del sì e del no cercherò di spiegare cosa cambierà qualora vincesse il sì, senza polemiche o politica e sempre con i documenti in mano. Poi ognuno di noi valuterà in coscienza basandosi su fatti e non su emozioni”.
“La Costituzione – dicono i pentastellati – è il patto civile su cui si fonda la Repubblica Italiana, la Carta che ci tiene tutti assieme, da Lampedusa a Predoi, che ha consentito al Paese di costruire uno Stato sulle ceneri della seconda guerra mondiale. Ora la nostra Costituzione è in pericolo, stravolta da una maggioranza di deputati e senatori che siedono abusivamente in Parlamento: la legge con la quale sono stati eletti, il “Porcellum”, è stata dichiarata incostituzionale. Ciò nonostante hanno avuto l’arroganza di mettere mano alla Carta fondamentale del Paese, generando un caos: il Senato resta dov’è, immunità elargita a consiglieri regionali e sindaci, procedimenti legislativi che si moltiplicano. La Costituzione si può modificare, ma non così.
Tra i relatori oltre all’esperto De Franceschi anche Emanuele Cozzolino, cittadino portavoce M5S alla Camera e il senatore Gianni Girotto, portavoce M5S

L.P.