Misure inquinamento a San Donà

Inquinamento atmosferico, San Donà ha aderito al nuovo accordo di programma per l’adozione di misure di risanamento per il miglioramento della qualità dell’aria nel “Bacino Padano”. Riguarda gli impianti termici e la circolazione del traffico. A.R.P.A.V. ha accertato le concentrazioni delle polveri sottili (PM10) che superano frequentemente il valore limite di 50 µg/m3 soprattutto durante la stagione autunnale e invernale. Nel Comune di San Donà la stazione fissa con analizzatore automatico di PM2,5 evidenzia che tale parametro ha valori elevati nel periodo autunno-inverno. E anche nel caso di livello 0, nessuna allerta, quindi colore verde, entrerà in vigore il divieto di combustione all’aperto, l’ obbligo di spegnimento dei motori degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea, dei veicoli merci nelle fasi di carico/scarico, degli autoveicoli per soste in corrispondenza a particolari impianti semaforici o di passaggi a livello.

Gli altri due livelli, 1 e 2, arancione e rosso, prevedono ulteriori limitazioni in aggiunta alle precedenti e nei giorni successivi al superamento, per 4 giorni consecutivi dei 50 µg/m3 concentrazione PM10 per i generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa con prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 4 stelle in base alla classificazione ambientale. Per le misure di limitazione della circolazione ci sono tre livelli nell’area compresa nel perimetro delimitato dalle vie Lungopiave Inferiore, via Mario del Monaco, via Martiri delle Foibe, via Cirgogno, via Unità d’Italia e via Lungopiave Superiore. Proprio in questi giorni la polizia locale ha effettuato un sopralluogo per l’installazione dei cartelli colorati che indicheranno i divieti.

Livello 0, nessuna allerta, prevede il blocco dei veicoli a benzina euro 0 e 1 e diesel euro 0, 1 e 2 oltre a ciclomotori e motocicli euro 0 a due tempi. Divieti di sostare con il motore acceso per gli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea, i veicoli merci durante le fasi di carico/scarico, gli autoveicoli in corrispondenza a particolari impianti semaforici o di passaggi a livello. Il periodo di applicazione è dalla data dell’ordinanza al 15 aprile 2018 (eccetto periodo compreso tra il 16/12/2017 ed il 07/01/2018), dal lunedì al venerdì feriali con orari 8:30 – 12:00 e 15:00 – 18:30 .

Al livello 1 arancio, si aggiungono i diesel euro 3 e 4 e veicoli commerciali diesel euro 0, 1, 2 e 3 nei giorni successivi al superamento per 4 giorni consecutivi dei 50 µg/m3 concentrazione PM10. E al livello 2 rosso, blocco anche dei veicoli commerciali diesel euro 0, 1, 2 e 3, euro 4, nei giorni successivi al superamento per 10 giorni consecutivi dei 50 µg/m3 concentrazione PM10. Le sanzioni vanno da 164 euro a 664 euro.

Ci sono in ogni caso delle deroghe ed eccezioni per i veicoli a gpl o metano, forze dell’ordine, sanitari.
Giovanni Cagnassi