Il Movimento per l’autonomia di Venezia risponde a Brugnaro

Fantastico, il campione dei conflitti di interesse, l’arch. Brugnaro, proprietario dei terreni dei Pili di cui vuole aumentare di 50 volte il valore costruendoci di tutto, la cui impresa Umana continua a lavorare con le partecipate del Comune e ad aumentare con loro il fatturato, la cui impresa Attiva continua a lavorare con ACTV, etc etc viene a dare degli speculatori a cittadini che stanno semplicemente chiedendo un referendum per salvare le Città di Venezia e Mestre.

Non pago, dopo aver dato degli sfigati a queste persone, porta la discussione su un tema cosi delicato come quello delle vite personali dei cittadini giudicandoli “Persone di scarso risultato pratico nella vita”! vuol dire quindi non avere argomenti validi per contrastare sia l’indizione del referndum, sia il suo No alla creazione dei due Comuni

Sicuramente, utilizzando soldi del Comune, e quindi di tutti,  si farà fare studi approfonditi e di parte sul tema; quindi speriamo che in futuro si possa dibattere serenamete sul merito e non su offese personali e su atteggiamenti offensivi, volgari e sprezzanti . ma conoscendo l’uomo sarà solo un a pia illusione.

Anche perché ormai tutti sanno che la prima regola della politica non rispettata dall’Arch. Brugnaro sarebbe quella di rispettare gli impegni presi con i cittadini, cosa che lui non ha fatto dopo aver firmato un patto chiaro prima di essere eletto che prevedeva il suo impegno a celebrare il referendum e a procedere alla divisione amministrativa del Comune.

Ma si sa, i tempi passano e certe regole restano di pochi che anora credono sia sacro il mantenimento delle promesse

Che alla fine non sono cosi pochi: Zaia e la Lega, ma anche i 5 stelle, gli impegni presi su questo tema li hanno rispettati

Avanti quindi con chi fa buona politica e lasciamo al suo destino chi fa quella cattiva….o non la fa proprio!

G.N.P.