San Donà di Piave, al Caf per il bonus luce e gas

Una convenzione con i Caf per la gestione delle pratiche di richiesta e rinnovo del bonus luce e gas. È la proposta rivolta dall’amministrazione comunale ai Caf del territorio, proponendo l’adesione entro il prossimo 21 novembre in modo che il servizio sia operativo dal 1° gennaio prossimo. «All’interno di determinati parametri di reddito è possibile accedere al bonus sociale per elettricità e gas, per avere così una riduzione sui costi delle bollette – spiega il sindaco Andrea Cereser – Si stima però che, a livello nazionale, su una platea di circa 4 milioni di famiglie potenzialmente beneficiarie del bonus, ne abbiano usufruito, almeno una volta, solo 2 milioni, appena la metà. Per questo il Comune di San Donà vuole proporre una convenzione per far conoscere questa agevolazione e renderne più semplice l’accesso».

Il bonus è previsto per le famiglie con Isee non superiore a euro 8.107,50 e, in caso di famiglie con almeno 4 figli a carico, con Isee non superiore a euro 20mila. Ogni nucleo familiare che abbia i requisiti può richiedere sia il bonus per la fornitura elettrica che per la fornitura gas. Questa agevolazione può essere richiesta anche da famiglie di cui fa parte anche una persona in gravi condizioni di salute, e che possiede i requisiti per il bonus per disagio fisico. «L’amministrazione di San Donà aveva recentemente patrocinato un incontro al Centro culturale finalizzato proprio alla pubblicità per questa agevolazione – aggiunge l’assessore alle opportunità sociali Maria Grazia Murer – Anche in quella occasione emerse che i fattori che influenzano negativamente l’accesso al bonus sono soprattutto la scarsa conoscenza dello strumento e l’eccessiva burocrazia che ne scoraggia la richiesta. Per questo l’amministrazione si è attivata per fornire questo importante servizio».

Pierluigi Tamburrini