Si fingono tecnici, il Comune di Mirano: “Non aprite a nessuno”

L'appello dell'amministrazione che attraverso i canali social sta tentando di mettere in allerta la cittadinanza affinché non rimanga vittima di truffe o raggiri

“Non esiste alcuna possibilità che tecnici inviati dal Comune di Mirano vadano a suonare alla porta dei cittadini per fare controlli, né per svolgere alcun altro tipo di pratiche – afferma l’assessore Cristian Zara, che raccomanda -: non aprite a nessuno, non mostrate documenti, bollette né altro. È già stata fatta una segnalazione per questo alle forze dell’ordine, mentre stiamo diffondendo il messaggio attraverso i social e i giornali per avvertire i cittadini”.

Una raccomandazione in questo senso è stata anche postata sulla pagina Facebook dell’amministrazione: “Sono stati già allertati i carabinieri che sono intervenuti in zona”, si legge. Mentre l’assessore spiega: “Non sono pervenute notizie di persone truffate, né di furti o altre emergenze, ma ci hanno avvertito che sedicenti tecnici che si spacciano per funzionari del Comune stanno girando per le case, specie bussando alle porte delle persone più anziane e indifese”.

Il problema, come spiegano al Comune, è che sembrano in aumento i casi di persone che tentano di proporre contratti o altri affari mediante vendite porta a porta. Prima infatti spesso queste persone si identificavano come addetti ai contatori, e poteva capitare che, con il pretesto di dover fare dei controlli sui misuratori, andassero a carpire dati sensibili. Poi invece, non funzionando più la scusa delle verifiche agli apparati, accade che qualcuno si spacci per addetto comunale, pur di ottenere l’attenzione dei potenziali clienti. Per questo partono campagne di sensibilizzazione che puntano sempre di più a informare il cittadino. E renderlo più capace di difendere la propria privacy e i propri interessi. “L’importante è non aprire a nessuno, non mostrare documenti, non fornire estremi o dati personali o famigliari”, tornano a raccomandare dal Comune.

G.N.P.