Smog, raggiunto il livello arancione: le sanzioni scattano da domenica 13 gennaio

VICENZA – Nella giornata di giovedì 8 gennaio 2019 l’Arpav ha comunicato che nel territorio comunale di Vicenza è stato raggiunto il livello di allerta arancione per il PM10, secondo quanto previsto dal Nuovo Accordo di Programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell’aria nel Bacino Padano. In città, quindi, scattano le limitazioni aggiuntive alla circolazione dei veicoli, con efficacia dalle 8.30 di domenica 13 gennaio, quando tutti i cartelli stradali che ne danno comunicazione saranno stati opportunamente posizionati.

Da domenica 13 gennaio, pertanto, e almeno fino al nuovo bollettino Arpav, previsto per lunedì 14 gennaio, in centro storico e nei quartieri della prima cintura urbana di Vicenza, tutti i giorni, festivi inclusi, non potranno circolare i veicoli privati a benzina Euro 0, 1 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e 4; i veicoli commerciali a benzina Euro 0, 1 e diesel Euro 0, 1, 2, 3; i motoveicoli e ciclomotori a 2 tempi non catalizzati, immatricolati prima dell’1/1/2000 e non conformi alla direttiva 97/24/C.

Nel dettaglio, i quartieri interessati dal blocco del traffico sono: Laghetto, San Pio X, San Bortolo, Quartiere Italia, San Francesco, Sant’ Andrea, San Lazzaro, Santa Bertilla, Villaggio del Sole, Santi Felice e Fortunato e parte dei quartieri della Stanga (lato San Pio X) e di Saviabona. Tutti i parcheggi di interscambio, che permettono di arrivare in centro storico utilizzando il bus navetta (Bassano, Cricoli, Quasimodo), saranno sempre accessibili anche ai veicoli interdetti alla circolazione. Il divieto resterà in vigore fino alla sua revoca. La prossima comunicazione di Arpav sul livello di inquinamento dell’aria è prevista per lunedì 14 gennaio. Sperando con dati più confortanti.

Nico Parente