Stalking all’ex moglie, in manette

La polizia ha arrestato Alberto Roman, sessantenne, disoccupato, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di maltrattamenti in famiglia e stalking nei confronti della ex moglie, un’impiegata di un’azienda tessile.La donna, residente nell’Alta padovana, si era rivolta alla polizia lo scorso mese di gennaio, raccontando la difficile convivenza coniugale, durata più di vent’anni e caratterizzata, fin da principio, da un atteggiamento denigratorio, aggressivo e prevaricatore dell’uomo, che la minacciava e picchiava di continuo anche davanti ai figli.

Con il passare degli anni la condotta violenta e vessatoria è divenuta via-via sempre più allarmante per la frequenza e l’intensità degli episodi. Fino a che la donna ha deciso che era ora di mettere fine a quel tormento e così ha chiesto la separazione.Purtroppo questo ha scatenato una reazione ancora più violenta da parte dell’uomo, sfociata in condotte ancora più distruttive e aggressive, con calci, pugni e strattoni fino a costringere la donna a fare ricorso più volte alle cure del pronto soccorso.Terminata la convivenza Roman ha continuato con le sue condotte ossessive, cercando incessantemente la ex nei luoghi in cui veniva ospitata o che frequentava, come per esempio il luogo di lavoro. Pedinamenti, messaggi di minaccia. Un turbine di violenza che i poliziotti hanno accertato e documentato.

Giuliana Lucca