Eliminazioni inappropriate nel gatto

Un problema che si presenta frequentemente nel gatto, è quello delle eliminazioni al di fuori della cassettina.

Può succedere che improvvisamente, un gatto, sia maschio che femmina, inizi a urinare o defecare fuori dalla cassettina, dove aveva sempre espletato i suoi bisogni fino a quel momento.

Innanzi tutto bisogna valutare se la lettiera che abbiamo usato sia sempre quella o se è stata cambiata: se avete scelto un’altra marca che vi sembrava avesse le stesse caratteristiche della precedente, potrebbe non essere comunque gradita dal vostro gatto.

Un altro motivo, può essere il cambio  di posto rispetto a dove la tenevate prima, allora conviene rimetterla nella stessa posizione.

Fondamentale soprattutto, escludere cause patologiche con una accurata visita dal vostro Medico Veterinario di fiducia. E’ necessario escludere la presenza di una cistite o di uroliti, con un esame ecografico ed un esame delle urine e del sedimento urinario. Sono esami che ci permettono di escludere anche la presenza di eventuali polipi o formazioni cistiche e/o tumorali, all’interno della vescica. E’ importante che siano accompagnati  da un esame completo del sangue, per avere informazioni sulla funzionalità renale.

Per quanto riguarda le feci, valgono le stesse premesse, salvo poi eseguire un esame coprologico per escludere la presenza di eventuali parassiti intestinali, un ecoaddome per valutare la peristalsi intestinale e la configurazione di parete dell’intestino, per escludere e/o confermare eventuali anomalie, presenza di masse o di corpi estranei.

Esistono anche degli esami specifici per valutare la funzionalità dell’intestino.

Una volta esclusa la presenza di una patologia, che possa indurre il nostro gatto a non urinare o defecare più nell’apposita cassetta, possiamo sospettare che il problema sia di tipo comportamentale.

Va allora richiesta una visita specialistica ad un Medico Veterinario Esperto in comportamento, per valutare se siano comparse delle modificazioni nella routine quotidiana del gatto, tali da averlo portato ad un disagio che si e poi  manifestato con questo comportamento inappropriato. A volte cose che noi diamo per scontate, possono non essere tali per il nostro gatto: cambio di orario di lavoro, ripresa del lavoro dopo una vacanza o una lunga malattia, cambio di arredamento in casa, assenza di un componente della famiglia, introduzione di un nuovo animale…..possono risultare c eventi molto stressanti per il nostro gatto.

Non dobbiamo mai sottovalutare i segnali che il nostro animale ci invia, perchè possono essere indice di patologia non solo fisica, ma anche evidenza di un disagio emotivo, per il quale il gatto va sostenuto. Non dobbiamo pensare che il problema possa risolversi solo, ma bisogna invece intervenire tempestivamente per evitare che si aggravino, rendendo più difficile e complessa la guarigione.

 

Dott.ssa Mason Nicoletta

Medico Veterinario Esperto in Comportamento

per informazioni: cel 3384790223