Quando arriva un neonato

Rubrica a cura della dott.ssa Nicoletta Mason

L’arrivo di un neonato in una famiglia dove sono presenti già degli animali, rappresenta sempre un cambiamento importante e a volte può essere un vero e proprio evento stressante.
Meglio quindi preparare il vostro cane/gatto ad affrontare al meglio la nuova situazione .
• Fin dai primi mesi di gravidanza, parlare al vostro animale, massaggiando la pancia, avvertendolo del neonato. Le emozioni positive della Mamma, saranno lette dal cane/gatto e trasferite al nascituro;
•Appena nato il piccolo, il Padre porterà a casa i vestitini usati dal neonato, in modo che l’animale possa annusarli con tranquillità e familiarizzare con il nuovo odore, che poi assocerà al bambino;
• L’incontro tra cane e neonato, deve avvenire al di fuori delle mura domestiche, in un ambiente neutro, in modo da consentire al cane di salutare la Mamma in tranquillità mentre il Papà si occupa del neonato. Fare una passeggiata insieme in modo da consentire al cane di conoscere con i propri tempi il neonato e di gestirne eventuali distanze. Se si tratta di un gatto, appena arriva il neonato, lasciargli la possibilità di annusare ed osservare il bebè sorvegliando l’interazione o, nel caso il gatto rifiutasse l’incontro, di aspettare e rispettare i suoi tempi. Si avvicinerà quando si sentirà sufficientemente sicuro;
• Raccontare e spiegare al bambino da subito le esigenze e gli spazi dell’animale…ecco adesso mangia…ora fa la nanna, in modo che quando inizierà a gattonare, sarà in grado di rispettare le esigenze del suo animale, favorendo così la crescita di una sana e duratura amicizia;
• E il consiglio è mai lasciare da solo un bambino piccolo con un animale, cane o gatto che sia, per l’incolumità di entrambi, le interazioni devono avvenire sempre alla presenza di un adulto!

Dott.ssa Mason Nicoletta MVEC