Destinatario sconosciuto

Scambio epistolare contro l'orrore del nazismo

“Mio caro Martin, sei tornato in Germania! Come ti invidio! Anche se non ci vado dai tempi della scuola, subisco ancora il fascino di Unter den Linden: la grande libertà intellettuale, le discussioni, la musica, lo spensierato cameratismo”.

Inizia così questo celebre romanzo che, pubblicato nel 1938 nella rivista “Story”, ebbe un immediato successo. Il racconto in forma di scambio epistolare tra un americano di San Francisco e il suo ex socio di affari tornato in Germania avvertiva in anticipo sui tempi contro l’orrore del nazismo. Nella Germania del 1932, Martin tedesco e Max ebreo americano sono due amici fraterni, ma l’ombra della storia e l’avvento di Hitler, si proietta sul  loro destino e i contrasti ideologici precipitano fino a diventare insanabili. Fino al colpo di scena finale per una conclusione indimenticabile.

Nel 1939 esce in forma di libro e vendette in poco tempo 50 mila copie. Un grande caso letterario che dopo un lungo silenzio è tornato a sorprendere. L’autrice affermò che Destinatario sconosciuto era tratto da una storia vera e basato su alcune lettere autentiche e assunto forma definitiva grazie e lunghe discussioni tra la scrittrice e il marito Elliott Taylor.  Un messaggio profondo e universale che parla senza mediazioni alla nostra coscienza morale e si è meritato un posto di tutto rispetto nella letteratura del nostro tempo. Da leggere e rileggere….

Katherine Kressmann Taylor, (1903-1997) americana di origine tedesca, ha lavorato come giornalista a San Francisco prima di dedicarsi alla narrativa. Nel 2000 con Rizzoli il libro diventa un bestseller internazionale, seguito da un latro grande successo, Senza ritorno.

Destinatario sconosciuto – Kressmann Taylor – BUR – 77 pagine – Prezzo: 6,50 euro

Alessandra Fraschini