Quando la storia diventa “buia”

Un noto aforisma dello scrittore statunitense di J.D. Salinger ( Il giovane Holden ) recita così: “Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere vorresti che l’autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira”.

Beh che dire Gian Nicola Pittalis, l’autore del libro in questione, “L’inquisizione a Venezia” è un mio amico e la telefonata gliel’ho fatta!

Ho voluto dirgli grazie! Grazie per avermi arricchito di nuove informazioni! Amo Venezia, amo la cultura e l’identità veneta, mi nutro d’informazioni del territorio a cui appartengo io ed appartengono i miei avi! La collana “la grande storia della Serenissima” collegata al Gazzettino, mi sfama d’informazioni ed in alcuni casi, mi ha fatto provare sapori sconosciuti.

Il libro di Gian Nicola, mi ha fatto scoprire in modo leggero, romanzato e tutto d’un fiato, fatti ed aneddoti che mi erano sconosciuti. Coincidenze storiche che legano città cosi distanti tra loro ed al contempo cosi vicine, Palermo, Nola, Madrid!

Ho approfondito notizie che hanno consolidato la certezza che Venezia è sempre stata in ogni caso una “Repubblica” fuori dagli schemi ciò non di meno la mano a volte anche molto pesante dell’inquisizione è riuscita ad imporsi in quello che era lo stato più liberale nel panorama del “mondo civile”.

Aneddoti come quello sul pittore Paolo Veronese, mi hanno fatto scoprire  la nemesi e la trasformazione di alcuni suoi dipinti, oppure l’origine della frase “la farina del diavolo” collegata al “povero” Domenico Scandella detto “menocchio”, mugnaio “colto” forse troppo per l’epoca del pordenonese, o ancora venir a sapere che anche una suora, Suor Margherita di San Pietro di Castello è stata accusata di stregoneria, per fatti assai “dubbi” (Medicina avanguardista o sesso?), beh che dire, mi hanno fatto “divorare” il libro in una serata, una gran bella serata.

Quindi, ancora grazie Gian Nicola, aspetto il tuo prossimo libro!

Roberto Agirmo