Nathan Never 2.0. Il 2018 inizia alla grande

Nella carrellata di anteprime che presenta il nuovo anno degli Eroi bonelliani, questa volta è il turno di Nathan Never. Quali fantascientifiche avventure attendono il nostro Agente Alfa in questo 2018?

Nel 2018 di Nathan Never potremo vedere sulla serie regolare – a febbraio, dopo l’avventura post apocalittica orchestrata da Gualdoni e Rossi sul numero di gennaio, che se vi affrettate potete ancora trovare in edicola – “Fuga da Europa“, una storia dai toni fortemente drammatici, baciata dai disegni di un Romeo Toffanetti in gran forma e sceneggiata da quel Thomas Pistoia che un paio di anni fa aveva esordito sulla testata con “La lunga marcia“, forse uno degli albi più controversi del nostro Agente Alfa. Chi ricorda quelle pagine sa già cosa aspettarsi dalla lirica prosa di Thomas, a tutti gli altri promettiamo una lettura che non potrà lasciare indifferenti… nel bene o nel male. A voi lettori l’ardua sentenza!

A marzo e aprile toccherà a Bepi Vigna presentarci una storia in due parti, affidata alle sapienti “pennellate” di Sergio Giardo: “Sugli asteroidi” e “Missione per un amico”. Ed è una storia importante, che ci riporterà anche agli anni in cui Nathan era un cadetto dei Fanti spaziali, ai tempi in cui ha conosciuto sua moglie Laura e in cui frequentava l’amico Randy Nash – ricordate tutti “L’ultima onda“, vero? Se così non fosse correte a recuperarla! Tra l’altro è stata recentemente ripubblicata nell’edizione cronologica di Nathan Never allegata a Corriere e Gazzetta.

Lo spazio è tiranno, e facendo giusto un altro paio di anticipazioni sparse, nel corso di questo 2018 leggerete anche una storia di Giovanni Eccher dal titolo provvisorio “Progetto Caino”, disegnata da Pietro Vitrano – alla sua prima ma assai convincente esperienza con Nathan – su un misterioso serial killer dotato di facoltà sovrumane, simili a quelle del personaggio del folclore britannico Spring-Heeled Jack (Jack dai tacchi a molla); una inquietante storia di Michele Medda ed Elena Pianta sul tema delle “abduction”, i presunti rapimenti alieni; un’altra storia della contesissima Elena Pianta, questa volta scritta da Alberto Ostini… Insomma, come vedete, tanta carne al fuoco, nell’attesa nel 2019 di una nuova, sensazionale, saga ideata nientemeno che da Medda e Vigna.

“E le uscite fuori serie?”, vi starete chiedendo. Ebbene, basta avere pazienza.

G.N.P. in collaborazione con la Sergio Bonelli Editore

Foto gentilmente concesse dalla Sergio Bonelli Editore