Padova danza in punti di Piedi

Padova: giovedì 7 dicembre,  presso la storica sala Rossini del caffè Pedrocchi, un folto pubblico ha assistito alla presentazione del libro fotografico “Padova en pointe” del fotografo padovano Radames Fiorotto.

 Il suono di due fagotti ha,  solennemente, sancito l’inizio della serata, in un contesto “ quasi d’altri tempi”.

La moderatrice, Cristina Doni (Presidente ass.”La Torlonga” onlus) ha, magistralmente, dato la possibilità, agli ospiti presenti, di raccontare la propria esperienza vissuta con il protagonista della serata,  facendo trasparire il lungo cammino percorso dall’autore.

Il progetto,  decollato  nel 2015, ha avuto una prima pubblicazione in un calendario artistico 2017, dal titolo: “Padova in punta di Piedi”,  una tiratura limitata dedicata allo scomparso Padre Enzo Paolo Poiana. Fu costui  il primo a credere,  insieme al prof. Cesare Contarini, presente in sala,  all’ambizioso progetto del fotografo padovano. Di questo rapporto ha parlato a lungo Fra Fabio Scarsato (Direttore del Messaggero di S.Antonio), riconoscendo, in Radames, un fotografo profondo e assolutamente in linea con le regole ecclesiastiche. “Radames, neanche lontanamente, – ha affermato  il Fra Fabio – ha mai oltraggiato i luoghi sacri a lui concessi. Le ballerine che hanno danzato in questi luoghi hanno solo valorizzato e amplificato la religiosità dell’ambiente, dandone un aspetto’’ soave e leggero”.

 Alla serata, in veste tecnica era presente anche Denise Zendron (Royal Academy of Dance), maestra di Danza dalla grande esperienza nazionale ed internazionale ….ciò che, nonostante il mio occhio tecnico, si nota dalle foto,  è l’insieme dello scatto, che risulta assolutamente equilibrato e,  qualora ci fossero delle imprecisioni delle protagoniste,  non sarebbero di disturbo, ma solo un reale coinvolgimento nella scena”.

Intervento profondo anche quello del fotografo Roberto Tomesani (Tau Visual Associazione Nazionale Fotografi Professionisti) … “Un approcciarsi distinto, delicato e riguardoso, nei confronti della città – afferma il Fotografo – Locations, dal sapore di storia, sono state utilizzate e valorizzate, condensando la priorità alla Padova dei tre SENZA, luoghi magici, stupendi, sono stati animati con una poesia narrata dalla danza.”

Emozionante e di alto impatto emotivo, il momento in cui l’ Artista  ha voluto dedicare il primo volume ai  propri  genitori che, orgogliosi,  presenziavano alla serata, assieme agli amici più vicini a Radames.

A sorpresa e molto apprezzato,  è stato di  Sandra Callegarin, presidente di un’associazione che collabora alla raccolta fondi per conto dell’Istituto Oncologico Veneto, nell’ambito del progetto “RUN FOR IOV” che ha ringraziato ufficialmente Radames   per i meravigliosi scatti realizzati sin dal sorgere del gruppo podistico RUN FOR IOV.

Una serata all’insegna della scoperta di una nuova Padova, romantica ma con carattere, immersa in una poesia racconta dalla danza en pointe.

I libri sono disponibili nelle librerie padovane e potranno essere ordinate sul sito www.photolike.it o allo +39 3497167751.