Sanità: Anaao Assomed promuove “modello veneto” per fabbisogno personale.

Coletto, “spero che esempio serva a tutti. lavoro parte dalla frontiera dei pronto soccorso”

“Spero che l’auspicio espresso da Anaao Assomed trovi ascolto ai tavoli nazionali e nel Governo. Noi andremo comunque avanti da soli, ma siamo pronti e mettere a disposizione di chiunque lo coglia questa esperienza positiva, che guarda prima di tutto al malato e al difficile compito di tutto il personale sanitario nell’assisterlo”.

Così l’Assessore alla Sanità del Veneto, Luca Coletto, commenta il parere estremamente favorevole dato da Anaao Assomed nazionale, il Sindacato dei medici dirigenti, che, in una nota, promuove il “modello Veneto” per far fronte al fabbisogno di personale medico e sanitario, delineato in una delibera del 31 dicembre scorso.

“Organizzarsi guardando alle necessità del bacino di utenza di ogni singola struttura – aggiunge Coletto – garantisce una risposta adeguata alle esigenze della patologia prima che ad ogni altra”.

“Non a caso – fa notare Coletto – la prima applicazione del Documento Metodologico Generale (Definizione dei Valori Minimi di Riferimento per il Personale Dirigente Medico) è la Definizione dei Valori Minimi di Riferimento per il Personale del Pronto Soccorso, la struttura che spesso per prima affronta i casi gravi, ed è giustamente vista dal paziente come un’ancora di salvezza”.

“Dare il meglio a partire da questo servizio di frontiera, come ci riconosce Anaao – conclude Coletto – è un dovere anche morale, così come è un dovere proseguire nella ricerca di soluzioni sempre più adatte e moderne in ogni servizio reso dalla sanità alla gente”.

G.N.P