Scatta l’attivazione di ospedali di comunità

Nel Veneto sbloccati 20 posti letto

La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore alla Sanità Luca Coletto di concerto con la collega al Sociale Manuela Lanzarin, ha rilasciato l’accreditamento istituzionale per l’attivazione di 10 posti letto di unità Riabilitativa Territoriale a Camposampiero e 10 a Piazzola sul Brenta.
Le strutture interessate sono il Centro Servizi per Anziani “A. Moretti Bonora” con sede operativa a Camposampiero e il “Centro Servizi Camerini” dell’Ipab “Centro Residenziale per Anziani” di Cittadella, con sede operativa a Piazzola sul Brenta. “Questi 20 posti letto – sottolinea Coletto – avranno una funzione fondamentale come “cerniera” tra Ospedale e territorio e costituiscono, di fatto, l’avvio dell’operazione complessiva di attivazione degli ospedali di comunità in tutto il Veneto. A brevissimo, in una delle prossime Giunte, formalizzeremo lo sblocco dell’intero progetto delle rete di questa tipologia di posti letto, come previsto dal vigente Piano Sociosanitario, e le attivazioni scatteranno progressivamente mano a mano, in tutte le aree previste”.

Soddisfazione per l’approvazione dei due atti è stata espressa dall’assessore Giuseppe Pan: “si tratta – ha detto – dell’ottimo risultato del lavoro di squadra che stiamo facendo in Giunta al servizio delle necessità dei territori”.

Soddisfatto anche l’assessore regionale Roberto Marcato. “Ringrazio i colleghi Coletto e Lanzarin che hanno provveduto a dar corso all’attivazione di questi due provvedimenti. Quello che mi preme sottolineare è che, anche in questa occasione, alle chiacchiere e a chi fa solo speculazione politica in sede locale perfino sulla salute dei cittadini, la Regione risponde con i fatti. Soddisfazione anche perché questi 20 posti letto accreditati avviano l’attivazione degli ospedali di comunità in tutto il Veneto”.

Gian Nicola Pittalis