“Scottature? No, grazie!”: è lo slogan dell’Estate della Regione Veneto

VENEZIA. “Scottature? No, grazie!”: è lo slogan dell’Estate della Regione Veneto che ritroviamo anche nel minivideo promosso nell’ambito del Piano Regionale di Prevenzione in collaborazione con la Ulss 3 Serenissima, capofila del progetto.

LINK DEL VIDEO: https://youtu.be/b4v9u2eqCg8

Il sole è bello ed è anche buono, ma bisogna saperlo “prendere con la testa”. Ed è il messaggio che lancia lo stesso minivideo dove si racconta la storia di ragazzi e ragazze che amano lo sport, il sole e il divertimento, dove i social rappresentano il loro modo di essere e di comunicare. “I protagonisti del video – ha esordito il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – sono tutti ragazzi e ragazze del territorio (circa una quindicina in tutto), dai 12 ai 18 anni, che si sono offerti gratuitamente di girare questo video educativo diventando attori per un giorno. In questo modo abbiamo stretto un patto col territorio coinvolgendolo attraverso la partecipazione dei nostri giovani che, mettendoci la faccia, contribuiscono ad influenzare le scelte dei loro coetanei in maniera positiva”.

“I messaggi che abbiamo chiesto loro di trasmettere – ha aggiunto la dottoressa Barbara Silvestri, coordinatrice del Gruppo Oncologico Multidisciplinare Melanoma del Distretto Mirano Dolo della Ulss 3, nonché referente regionale della comunicazione in materia di danni da raggi ultravioletti – riguardano la consapevolezza che la cura della loro pelle è importante e che una eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti, senza protezione, aumenta il rischio di comparsa di tumori della pelle come il melanoma. Come si vede dal filmato i ragazzi hanno capito l’importanza di proteggersi dai raggi solari con la crema e che alcune dicerie sono proprio delle “fake news”, come quella che in acqua non ci si scotta”.

L’obiettivo del progetto regionale rimane quello di diffondere la cultura della prevenzione fin da bambini perché, è dimostrato, che le scottature in età infantile provocano l’80% dei melanomi, il  tumore più aggressivo della pelle. Esso rappresenta il 9% dei tumori giovanili nei maschi e il 7% nelle femmine. Il rischio di sviluppare il melanoma cutaneo è elevato sia negli uomini (1 su 66) sia nelle donne (1 su 84), è una malattia molto aggressiva che tende a metastatizzare velocemente, ma si può combattere con efficacia fino alla guarigione completa, se diagnosticato in fase iniziale.

“Anche se sembra che il sole non è a picco – ha continuato la dottoressa Silvestri – non bisogna fermarsi alle apparenze: consiglio di controllare quotidianamente l’indice dei raggi UV tramite il bollettino dell’Arpav che si può visionare facilmente anche tramite l’App ARPAV Meteo da scaricare sui nostri smartphone. L’Arpav, infatti, ci permette di conoscere in tempo reale l’indice di aggressività dei raggi ultravioletti (index UV) in quel preciso posto e in quel preciso momento. E questa informazione diventa utilissima per la salute della nostra pelle e di quella dei nostri familiari”.

Ricordiamoci, quindi, le 10 regole per proteggersi dal sole, abbronzandosi in maniera sicura:

1) Evita di esporti al sole estivo fra le 11.00 e le 16.00

2) Applica una crema solare ad elevato indice di protezione

3) Rinnova l’applicazione della crema ogni due ore

4) Proteggiti dai raggi UV con cappello, maglietta, occhiali da sole

5) Proteggi la pelle dei bambini e investirai sulla loro salute

6) Evita l’esposizione solare durante al gravidanza per evitare la comparsa di macchie cutanee permanenti

7) Bevi molta acqua durante l’esposizione solare

8) Evita l’esposizione solare se stai assumendo farmaci

9) Riduci l’uso delle lampade abbronzanti

10) Vai sul sito dell’Arpav per sapere quando esporti al sole in maniera sicura: www.arpa.veneto.it/temi-ambient…/agenti-fisici/radiazioni-uv

Sara Zanferrari