Sempre di più verso una ‘farmacia dei servizi’

VENEZIA – «Federfarma Veneto e la Regione Veneto hanno avviato un percorso di collaborazione che mette al centro la cura del paziente cronico con l’obiettivo di migliorare il servizio offerto e allo stesso tempo garantire un notevole risparmio per il sistema sanitario». Così il presidente di Federfarma Veneto, Alberto Fontanesi, commenta l’avvio della collaborazione con la Regione Veneto di un percorso per la presa in carico del paziente cronico come indicato dalla delibera n. 279 del 14 marzo.

«Si tratta di un’autentica rivoluzione con le farmacie maggiormente coinvolte nella cura dei pazienti cronici per migliorare e sensibilizzare gli stessi all’aderenza della terapia prescritta dal medico – aggiunge Fontanesi -. Per questo stiamo lavorando alla definizione di un piano formativo per i nostri operatori in modo da offrire agli utenti un supporto sempre più preparato e pronto per questa nuova sfida. È una collaborazione che conferma come le farmacie rappresentino, grazie alla loro presenza capillare sul territorio, un vero e proprio presidio sanitario per i cittadini».

«Si va sempre più – spiega ancora il presidente di Federfarma Veneto – verso una farmacia dei servizi in grado di essere un punto di riferimento vicino alle comunità dove gli utenti possono accedere a molteplici prestazioni. All’interno della roadmap di collaborazione con la Regione la formazione assume un ruolo fondamentale per assicurare un servizio efficace ed efficiente agli utenti. Nelle nostre farmacie lavorano 5.000 laureati e 1.000 operatori che costituiscono un patrimonio di competenza e professionalità da cui partire. Le farmacie diventano un supporto per la Regione e si rafforza così la sinergia tra le diverse figure sanitarie presenti sul territorio».

Dott. Lucio Zanetti