Sabato e domenica in Riviera Fiorita

RIVIERA DEL BRENTA. Questo fine settimana sarà di scena la nobile arte della Voga alla Veneta.

Appuntamenti dedicati quasi esclusivamente alla valorizzazione e diffusione della grande arte della Voga alla Veneta quelli di sabato e domenica in programma per Riviera Fiorita. Stra, da anni punto di partenza della regata più nota della Riviera quest’anno ospita anche le celebrazioni dedicate alle Società remiere sabato 9 settembre nel quarantesimo anniversario dalla nascita della manifestazione. Non si poteva cogliere occasione migliore avendo le imbarcazioni storiche di Venezia adagiate lungo il tratto di Naviglio già dal tardo pomeriggio e potendo usufruire dell’area dell’Antica Pescheria completamente rinnovata e inaugurata l’anno scorso proprio durante Riviera Fiorita.

A partire dal primo pomeriggio si susseguiranno attività e iniziative dedicate all’arte del remo che da gesto atletico diventa vera e propria danza tra forcola e acqua. Prove pratiche e mini tour arricchiranno il pomeriggio per traguardare l’aperitivo a tema in Villa Loredan dove si ritornerà con i piedi per terra. Scalzi si potrà provare l’emozione unica e originale di camminare su un vero e proprio tappeto di petali di rose allestito per l’occasione.

Alle 20.00 è prevista la Cena con vista fronte naviglio e la Festa delle Remiere per omaggiare gruppi e società sportive che tramandano di padre in figlio questo sport forse ancora poco conosciuto ma vera passione della nostra terra.

Domenica 10 ritorna l’evento clou e finale con il corteo acqueo da Stra a Malcontenta lungo il Brenta. Oltre 60 imbarcazioni, più di 300 rematori, circa 60 figuranti in costumi del ‘700 veneziano e francese, due ammiraglie d’eccezione: la 10 remi della Rari Nantes Patavium con a bordo due maestri di tango argentino che si esibiranno in ochos adelante y atràs e sacadas e la 14 remi della Voga Veneta Mestre.

Il ricco programma è stato possibile grazie a lavoro dei tanti volontari e degli sponsor, a supporto di una volontà politica ferma e convinta che la promozione del territorio passi anche attraverso manifestazioni popolari come questa.

(Foto del tango per gentile concessione di Maila Bertoli)

Sara Zanferrari