100.000 visitatori per le auto d’epoca e gli ex piloti

La “fiera delle meraviglie” ossia l’edizione 2017 di Auto e Moto d’Epoca, organizzata dalla società Intermeeting, guidata dal 1983 da Mario Carlo Baccaglini e da Geo PadovaFiere, aprirà i battenti questa mattina, con la prima giornata riservata a chi sborsa 45 euro, e resterà aperta sino a domenica compresa (24 euro oppure 62 in abbonamento valido per tre giorni). Il successo è già assicurato. Tant’è che sono stati venduti on line (a 25 euro l’uno) già 18 mila biglietti.  Anche in Cina, Giappone, Argentina, Australia. È l’unica manifestazione, a caratura mondiale, capace di portare a Padova 100 mila visitatori e di riempire tutti gli alberghi ed i ristoranti della città, della cintura e della zona termale.

Gli addetti ai lavori dicono che la si può paragonare ai saloni di Ginevra e Francoforte, visto che nei padiglioni di via Tommaseo, le case più note al mondo portano anche le loro ultime novità. I numeri: 4500 auto esposte, sia nuove che vintage; 1600 espositori. 90 mila metri quadrati di superficie.

 

Il taglio del nastro  è avvenuto ieri alle 11. 30, con un primo incontro pubblico, organizzato dall’Aci, moderato dal giornalista Vincenzo Borgomeo.

Tanti i piloti presenti, tra cui gli ex campioni della Formula Uno Alessandro Nannini, Jarno Trulli, Pier Luigi Martini, Bruno Giacomelli, Nanni Galli, Gian Carlo Minardi ed Arturo Merzario. Saranno festeggiati anche i 50 anni della Dyane Citroen, definita l’auto in jeans. Quanto al traffico, il Comune ha programmato un piano straordinario sia intorno lla Fiera e sia lungo gli anelli della tangenziale. Previsti bus navetta dal park di Geox, in corso Australia e dal palasport Kioene a San Lazzaro. Disponibili altri 4. 000 posti auto, tra cui quelli dei park Mameli, San Marco, Pace, Tommaseo, Goldoni, Valeri. I vigili invitano a non lasciare le auto sui marciapiedi e davanti gli ingressi delle abitazioni.

Giuliana Lucca