Festa della Salute: venerdì l’apertura del ponte votivo

Presenti il sindaco Brugnaro ed il patriarca Moraglia

Saranno il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ed il patriarca, Francesco Moraglia, ad inaugurare venerdì 17 novembre, alle ore 12, il tradizionale ponte votivo sul Canal Grande, allestito all’altezza del traghetto tra Santa Maria del Giglio e San Gregorio, per la ricorrenza della Madonna della Salute. Alla cerimonia di apertura della struttura saranno presenti, col presidente di Insula S.p.A., Nicola Picco, le massime autorità civili e militari della città.

Il ponte, che resterà aperto senza interruzioni sino alle ore 22 di martedì 22 novembre, è lungo 80,5 metri e largo 3,6 ed è composto da tre moduli e due passerelle di raccordo, con telaio d’acciaio e piano di calpestio in legno marino. E’ costituito dalla parte centrale del ponte realizzato da Insula per la festività del Redentore, ed è sorretto da otto barche inaffondabili. Il varco centrale per la navigazione è largo 10 metri e ha una altezza in sommità di 4,2 metri.

La Festa della Salute, una tra le più sentite dai veneziani, condivide le stesse radici della Festa del Redentore: infatti nasce da un’epidemia di peste, quella del 1630-31, che a Venezia provocò 47.000 morti (circa un quarto della popolazione). Disperati, il doge Nicolò Contarini e il patriarca Giovanni Tiepolo, organizzarono una processione di preghiera che raccolse tutti i cittadini superstiti e ebbe la durata di tre giorni e tre notti e fecero voto solenne alla Madonna che avrebbero costruito un tempio in suo onore se la città fosse sopravvissuta all’epidemia.

In poche settimane i contagi diminuirono fino a fermarsi completamente: il governo della Serenissima portò a termine il voto e fece costruire la maestosa Basilica della Madonna della Salute nella zona della Dogana da Mar, ben visibile da San Marco, la cui costruzione fu affidata al giovane Baldassarre Longhena e durò dal 1631 al 1687.

Ogni anno, il 21 novembre, si ricorda quell’evento. La Basilica della Madonna della Salute rimane aperta tutto il giorno e al suo interno vengono celebrate messe ogni ora, dalle 6 alle 22: quella solenne delle 10 sarà presieduta anche quest’anno dal patriarca di Venezia. In terraferma la Salute viene festeggiata anche a Mestre nella Chiesa omonima e a Catene (in cui alle ore 19 si terrà una messa officiata sempre dal patriarca Moraglia).