Trecento eventi di Natale

sfida di luminarie e alberi grazie a sponsor record

L’albero più alto se lo aggiudica piazza Ferretto, 15 metri addobbati a festa. Ma non sarà l’unico abete della città, per il Natale 2017 ce ne saranno venti e quello di piazza San Marco, con i suoi 12 metri d’altezza, cambia la location: da piazzetta dei Leoncini a piazza San Marco. Aumentano anche le vie illuminate, rispetto all’anno scorso le vie illuminate tra Mestre e Venezia sono il 10 per cento in più e domani, con un brindisi in piazza San Marco alle 18.30 (si replica sabato in piazza Ferretto), verranno accese a segnare l’inizio del mese di regali, cenoni e pranzi in famiglia. «Abbiamo un ricchissimo cartellone di appuntamenti, trecento per ora ma aumenteranno, merito di un grande lavoro di coordinamento», dice l’assessore al decentramento Paola Mar.

Nelle scuole, i festeggiamenti sono partiti con i concerti dei giorni scorsi della Fenice a Mestre, Marghera e Zelarino. Musicisti, coro e cantanti della Fondazione hanno avviato il loro tour che li porterà in ogni angolo della città con concerti di piazza (la «Feniceontheroad» il 3 e l’8 in piazza Ferretto) e nelle chiese e nei teatri del territorio. «Siamo al terzo anno di collaborazione con il Comune – spiega Alessandro Fantini, Fenice – tutto il teatro è coinvolto negli eventi natalizi». Due i concerti nella basilica di San Marco, il 18 e il 19, mentre il 20 gli orchestrali suonano al Duomo di Mestre. Cinque gli spettacoli per Capodanno, uno in più dell’anno scorso, il 28 dicembre per la grande richiesta. Alla Fenice arriva anche la danza, i ballerini delle Fiandre si esibiscono 5 volte a dicembre e, per gli appassionati di opera, c’è l’intramontabile Traviata.

In terraferma, sono previste esibizioni di coro, quartetto d’archi, soprano e tenore e della «brasopera» (ottoni) tra l’8 e il 27 dicembre in tutte le Municipalità. Per i bambini, tre le piste di pattinaggio tra San Polo, piazza Ferretto e Marghera ma anche laboratori e giochi. Sabato aprono i mercatini di Natale, a Mestre sono disseminati per le vie del centro, a Venezia tra Accademia, Santo Stefano e San Polo. Ma ogni quartiere ha il suo. Budget di «Le città in festa, Natale 2017»: 600 mila euro e per la prima volta più della metà dei soldi viene da sponsor, in particolare dalla Camera di commercio. «Dobbiamo ringraziare Vela e in particolare Fabrizio D’Oria per questo risultato», dice l’assessore Mar. Avm ha predisposto una mappa dei parcheggi.

«Organizzeremo corse bis di vaporetti, bus e tram a seconda delle necessità», dice il direttore generale Giovanni Seno. «Usate i mezzi pubblici, anche perché se c’è smog non ci sono deroghe natalizie ai blocchi», l’appello dell’assessore alla Mobilità Renato Boraso. Ultimo capitolo, la sicurezza. Questura, Prefettura e Comune sono al lavoro per organizzare il piano dei controlli. «Se servirà disporremo barriere», conclude Mar. In vista del Capodanno, l’amministrazione promette sorprese tra cui una collaborazione con M9. E poi via al Carnevale: quest’anno inizia subito, il 27 gennaio.

A.C.M.