“Al Salām – Festa interculturale della Riviera del Brenta”

DOLO. Si svolgerà domenica 24 giugno dalle 10 alle 18 la prima edizione della Festa interculturale della Riviera del Brenta Al Salam, presso la sede dell’Associazione IL PORTICO in via Brentabassa, 49.

L’evento è organizzato dalle associazioni: Il Portico ONLUS, Il Ponte,          O.E.D.S. (Organizzazione degli Emigrati per lo Sviluppo del Senegal), Catarsi ONLUS

 Il programma prevede alle 10.00 i saluti iniziali con l’intervento in rappresentanza dell’amministrazione dolese della consigliera comunale Chiara Iuliano, presidente della commissione consigliare permanente sulle politiche sociali e le pari opportunità, a cui seguirà un importante convegno alle 10.30.

Il tema del convegno sarà “Donne Musulmane nella Società Italiana tra Cultura e Fede”

Intervengono: Avvocato Kaoutar Badrane, del Foro di Vicenza ed esperta nel diritto musulmano nonché Presidente dell’Associazione Agami, Dialogo Giuridico Internazionale, Coumba Ndiaye, presidente e fondatrice dell’Associazione O.E.D.S. (Organizzazione degli Emigrati per lo Sviluppo del Senegal), Dott. Bouchaib Tanji,membro della Consulta Regionale per l’Immigrazione nonché Ex Presidente della Confederazione Regionale Islamica Veneto.

Alle 13.00 le comunità marocchina e senegalese offriranno un Buffet Multietnico

con Cuscus, dolci e tè alla menta.

Nel pomeriggio alle 14.30 verranno consegnati gli attestati alle bambine e ai bambini della scuola di arabo, alle 15 si svolgeranno letture di poesia, alle 17 uno spettacolo di musica araba e africana con l’orchestra Chab Mourad.

“Salam” in lingua araba significa “pace”, ed è un segnale di pace e integrazione quello che vogliono lanciare le associazioni organizzatrici con questa iniziativa.

“Vogliamo lavorare per la creazione di una società solidale ed inclusiva – raccontano gli organizzatori – fondata sui valori della fratellanza e dell’accoglienza e siamo convinti che questo obiettivo si possa perseguire solo con il dialogo e la conoscenza reciproca, fuggendo le banalizzazioni ed ogni forma di discriminazione. E’ con questo spirito che abbiamo lavorato nell’ideazione di questo evento che vuole essere un’occasione di incontro tra culture ed esperienze ed un piccolo mattoncino nell’edificazione di una comunità coesa e pacifica”.

Il programma della giornata sarà ricco e vedrà la partecipazione di ospiti illustri. La cornice sarà quella del bellissimo giardino dell’Associazione Il Portico, in caso di maltempo le iniziative si svolgeranno al coperto.

Sara Zanferrari