Cosa fare in Veneto: gli appuntamenti da non perdere tra vip, cultura e fiumi di birra

Da non perdere il 27 e 28 aprile il tour Veneto del film Le Guerre Horrende. Il film di Immesi e Brazzale torna nella regione dove è stato girato presso il centro culturale “A. Bafile” al Festival di Caorle alle ore 14. Il film è stato totalemte girato nei boschi dell’alto vicentino è recitato anche in lingua veneta ed è tratto da Le Guerre Horrende del vicentino Pino Costalunga. Si tratta del secondo lungometraggio di Luca Immesi e Giulia Brazzale ed è una favola nera di forte ispirazione teatrale.

Alle 17.30 sabato 28 aprile appuntamento alla Dolce Vita Italyan Style Bar nel lungomare di Sottomarina con l’Aperitivo dei famosi ospite in consolle Filippo Nardi. Da non perdere in Prato della Valle a Padova dal 29 aprile al 1 maggio il grande mercato europeo con oltre centocinuanta bancarelle provenineti da tutta Europa e non solo tra oggetti caratteristici e specialità enogastronomiche. Fino al prossimo 6 maggio a San Zeno di Cassola in provincia di Vicenza grande Festa dell’asparago tra specialità tutte da gustare serate danzanti e tanto divertimento.

A Schio, sempre in provincia di Vicenza, protagonista è la sagra di Ca’ trenta dove protagonisti sono i piatti della tradizioni come bigoli e gnocchi, ma anche el panin onto e bruschette a go go. Appuntamento imperdibile per gli appassionati di motori sul Lungolago di Bardolino con Italian Classic Parade domenica 29 aprile. A partire dalle 9.30 a far bella mostra di sé centinaia di auto d’epoca dei migliori marchi italiani come Lancia, Fiat, Ferrari, Alfa Romeo. Tutte vetture dalle curve mozzafiato. A Sona in provincia di Verona sabato domenica e lunedì grande appuntamento con “Birrette in Villa”. A Villa Trevisan la grande festa dei birrifici artigianali provenienti da tutta Italia con dj set, musica, conferenze, mercatini e tanta tanta buona birra. Grande appuntamento di primavera con Adria in Fiore. Domenica 29 aprile a partire dalle 10 tra profumi, aromi primizie mercatini e prodotti tipici.

Daniela Loro