Da Spinea a Londra

L'Accademia veneta Danza e Balletto sui palcoscenici internazionali

Dalle palestre di Spinea al maestoso palcoscenico della Royal Albert Hall di Londra, prestigiosissima cornice internazionale già calcata da musicisti e artisti di ogni genere, da David Gilmour agli acrobati del Cirque du Soleil: per i ventun giovani ballerini dell’Accademìa Veneta di Danza e Balletto quello che si realizzerà il 30 ottobre è senza dubbio un sogno che si realizza, un’ambizione compiuta forse senza neanche avere l’osare di sperarla. I ragazzi, preparati dalla prima ballerina Letizia Giuliani, sono stati infatti scelti attraverso un concorso a video che li ha visti competere con migliaia di altre coreografie, e quindi trionfare quali unici rappresentanti del balletto classico. I danzatori, che partiranno alla volta della capitale del Regno Unito il 28 ottobre [oggi per chi legge], come anticipato si esibiranno a distanza di due giorni, davanti alle quattromila poltrone della sala concerti londinese, nell’ambito di “DanceProms”, evento internazionale che vanta come madrina d’eccezione l’étoile internazionale della danza Darcey Bussell e che vedrà l’esibizione di ben cinquecento ragazzi di tutta l’Europa, impegnati in più discipline, dal classico al contemporaneo, passando per il jazz e il tap; al termine, poi, saranno tutti coinvolti in un’esibizione collettiva. A volare in Gran Bretagna, per la coreografia di Clara Santoni Rubino, saranno perciò Aurora Agnoletto, Elisa Azzara, Martina Barbiero, Margherita Bolzonella, Anita Caprara, Amanda Carponi, Giorgia Carraro, Lucrezia De Checchi, Sara Di Paco, Diletta Filippetto, Camilla Gallina, Giulia Gasparini, Emma Novello, Giorgia Perticaro, Alessia Rigobon, Edoardo Sartori, Sara Scatto, Daphne Scevola, Anna Spagnolo, Silvia Veati e Lisa Visentin.

di Giacomo Costa

564679_4621982871251_367849643_n