In 75000 ad Imola per il Mondiale SuperBike 2017

I 75000 appassionati che hanno assistito, sabato 13 e domenica  14 maggio, alla quinta tappa del mondiale di Superbike all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, non sono stati delusi. Due giorni di bagarre tra rumorosi rombi, sorpassi, e veloci accelerate. Un pubblico agguerrito che non si è solo limitato a seguire la gara, ma ne ha preso parte attivamente facendosi sentire ad ogni sorpasso e ad ogni curva.

I protagonisti di Imola assoluti sono stati i piloti delle derivate di serie, tra tutti è spiccato Chaz Davies, vincitore in entrambe le manche.

Corta Gara 1, a causa di un spettacolare  incidente del pilota su aprilia Laverty. La gara si è conclusa, con sette giri d’anticipo e Chaz Davies è stato coronato vincitore dopo aver dominato tutti i suoi avversari sui giri percorsi. Sul podio con lui Jonathan Rea e Marco Melandri. Completano la top 5 Sykes e Fores, dodicesimo Savadori con Aprilia.

Gara 2 completamente diversa, Davies si è acceso al 4° giro, dopo una partenza  non proprio delle migliori, ma graziato dalla rottura del motore di Ayrton Badovini.  All’uscita della Variante Alta, l’italiano non si toglie dalla traiettoria e cosparge d’olio la pista, necessaria la bandiera rossa, con l’intervento tempestivo dei commissari con numerosi secchi di filler. Ripartita la corsa, come un grande campione sa fare Davies, all’ultima chicane del sesto giro, ha infuocato gli spettatori, infilando Tom Sykes con un sorpasso perfetto: un boato è salito dagli spalti di Imola. Da quel momento fino alla bandiera a scacchi, la testa della corsa è stata del gallese, che centra così la seconda doppietta consecutiva a Imola con la Panigale. Terza vittoria stagionale (e 29^ della carriera). Ottima prestazione di Jonathan Rea (2°), che sorpassa Tom Sykes (3°) alla Tosa a 7 giri dalla fine. Ottimo risultato per Xavi Forès che vince la battaglia tutta Ducati con Marco Melandri. Su Aprilia al 13° Lorenzo Savadori, giornata no per le Honda, rispettivamente 12^ con Hayden e 14^ con Bradl. Fuori dalla zona punti Raffaele De Rosa (16°), oltre a Camier non terminano la corsa Russo e De Angelis.

Alessio M. per ilSestentenews.it ha intervistato Lorenzo Savadori pilota dell’Aprilia che ci confessa di aver avuto un week end molto complesso, a causa del grosso problema che è sopraggiunto, venerdì durante la sessione di prove. Inconveniente che non ha permesso a lui e ai suoi meccanici di lavorare sugli assetti della moto in ottica della gara. Alla fine le sfide non sono andate proprio come si poteva immaginare, nel circuito di casa “si poteva fare sicuramente meglio” afferma il pilota di Cesana. L’atteggiamento comunque rimane assolutamente positivo in vista della prossima tappa a Donington Park.

Alla fine dei due giorni non si può che tener conto del grande entusiasmo nelle tribune e nel paddock, sportivi, appassionati e famiglie con bambini tutti assieme ad applaudire i propri veloci beniamini. Un popolo colorato e animato, con bandiere striscioni e maglie dalle livree rosse, gialle verdi e blu, una festa per tutti soprattutto per i “ducatisti” che si sono due volte sul gradino più alto del podio, alla fine l’inno italiano ha suonato su tutti, ma il campionato è ancora lungo e la gara per il titolo ancora aperta, che vinca il migliore o meglio “che venga il più veloce”.

 

La nuova classifica – I primi cinque

Jonathan Rea – Kawasaki (235)
Chaz Davies – Ducati (161)
Tom Sykes – Kawasaki (160)
Marco Melandri – Ducati (124)
Alex Lowes – Yamaha (94)

Prossimi appuntamenti SBK 2017

28 maggio – Regno Unito (Donington Park)
18 giugno – San Marino (Misano)
09 luglio – USA Laguna (Seca)
20 agosto – Germania (Lausitzring)
17 settembre – Portogallo (Portimao)
01 ottobre – Francia (Magny Cours)
22 ottobre – Spagna (Jerez)
4 novembre – Qatar (Losail)

Foto e Testo Alessio Marini