Atletica Coin protagonista nel weekend all’insegna della velocità.

Ad Ancona si migliora Shelomith Lankai France (7”62 nei 60), a Padova cresce l’allievo Leonardo Verrati (22”89 nei 200). Personali anche per Ruzzene e l’allieva Brunelli. Mattiuzzo e Moressa sul podio nel cross regionale di Vittorio Veneto.

Un weekend all’insegna dello sprint. Il Gruppo Atletico Aristide Coin Venezia 1949 è stato protagonista, nello scorso weekend sulle piste indoor di Ancona, Padova e Udine. In evidenza soprattutto i velocisti. Ad Ancona, doppio progresso per la ventiduenne Shelomith Lankai France, scesa a 7”62 nei 60 metri. Per l’allieva di Adriano Benedetti è arrivato un miglioramento di 3 centesimi sul record personale ottenuto nel 2016. Un progresso doppio perché Shelomith ha corso in 7”62 per due volte nell’arco di poche ore, sia in batteria che in finale, dove solo l’azzurra Bongiorni è stata più veloce. A Padova, nuovo record personale per l’allievo Leonardo Verrati: 22”89 nei 200, prestazione di tutto rispetto per un atleta che non ha ancora compiuto 17 anni. Il miglioramento, nel suo caso, è di ben 20 centesimi. Aveva iniziato il 2017, il 7 gennaio, con un 23”09.  Record personali sono arrivati anche per merito di  Carlos Alberto Ruzzene ed Emma Brunelli, scesi in pista a Udine. Lo junior ha corso i 60 in 7”28; l’allieva, sulle stessa distanza, è scesa a 8”33. Tempi di valore per le rispettive categorie. Il Gruppo Atletico Coin, nel fine settimana, è stato impegnato anche a Vittorio Veneto nel 32° Cross Città della Vittoria, seconda tappa dei campionati veneti di specialità. Applausi per Tommaso Mattiuzzo, che ha confermato il bel rendimento offerto nella prova inaugurale di Galliera Veneta, giungendo secondo nella categoria ragazzi, e per Diletta Moressa, terza tra le cadette. Anche per loro si prospetta un inverno da protagonisti.  A Schio, infine, nella prima prova del Trofeo Carla Sport, nuovo record personale per lo junior Stefano Campagnaro, portatosi a 13.59 nel peso (attrezzo da 6 kg), 7 centimetri in più della sua precedente miglior misura.

Giancarlo Noviello